Seguici sui social

Sport

Pentathlon, Bittner “Contiamo di esserci anche a Los Angeles”

Pubblicato

-

ROMA (ITALPRESS) – “Meglio di così il 2022 non potevamo aspettarcelo. Riportare dopo diciasette anni un titolo mondiale femminile in Italia con Elena Micheli è un risultato più che soddisfacente unito anche alle prove di Mattia Parisi e Giorgio Malan in Coppa del mondo. Siamo contenti dei risultati della squadra senior, ma si sta muovendo qualcosa di interessante anche in ambito giovanile”. Fabrizio Bittner, presidente del Pentathlon italiano, è soddisfatto della stagione e del lavoro che sta portando avanti da quando ha preso in mano le redini della Federazione. “Il nuovo corso sta portando anche all’organizzazione di eventi internazionali nel nostro Paese dopo diverso tempo – ha detto in un’intervista all’Italpress -. Oltre ai risultati, stiamo cercando di allargare l’orizzonte, siamo moderatamente soddisfatti, l’obiettivo è sempre la medaglia olimpica ma ci stiamo lavorando. A livello organizzativo l’Italia attrae molto. Da anni eravamo fuori dalle dinamiche della politica sportiva internazionale. L’evento di Lignano Sabbiadoro (Mondiali U.19 e U.17) è stato premiato come best event dell’anno a livello mondiale, avevamo chiesto una manifestazione per il 2024 per dare una mano ai nostri atleti avendo più possibilità di qualificazione e acquisizione di punteggio per le Olimpiadi, ci hanno dato la tappa di maggio di Coppa del mondo in programma a Roma” ha spiegato il numero uno della Fipm. Nel frattempo, alle Olimpiadi devono arrivarci gli atleti, ma deve anche arrivarci lo sport così come è stato concepito fino ad oggi. Bittner è più fiducioso di qualhe tempo fa. “Andremo a Parigi ancora con le cinque discipline tradizionali e quindi con l’equitazione. Sarà l’ultima con questo format. Nel recente congresso mondiale è stata deliberata la sostituzione dell’equitazione con la spartan race che prevede una corsa ad ostacoli, in previsione di rimanere disciplina olimpica nel 2028. Confesso che non ero molto ottimista, ma gli ultimi segnali sono positivi, tuttavia è sempre il board del Cio a decidere, diciamo che l’Uipm ha fatto quanto richiesto, ovvero rivisitare la specialità per renderla più spettacolare e adatta ai tempi”. Intanto, il nuovo governo ha previsto il ministero per lo sport. “Il ministro Abodi è competente, capace, viene dal nostro ambiente, una delle persone più adatte a ricoprire questo incarico. Cercherà certamente di fare andare d’accordo le varie componenti del mondo sportivo, dividendo le competenze di ognuno per evitare sovrapposizioni”.
– foto Italpress –
(ITALPRESS).

Sport

Ghirelli ad Abodi “Apprendistato entri in vigore dall’1/1”

Pubblicato

-

ROMA (ITALPRESS) – “Concordo con il ministro Abodi sul rinvio delle norme della riforma dello sport dedicate al lavoro sportivo e all’abolizione del vincolo. Tuttavia, mi appello al ministro perchè l’apprendistato professionalizzante entri in vigore dal primo gennaio 2023 altrimenti ne conseguirà un danno economico e sociale per tutto il sistema, rendendo vani gli sforzi fatti in passato”. Così il presidente della Lega Pro, Francesco Ghirelli, sull’ipotesi paventata nei giorni scorsi dal ministro Abodi di rinviare una parte della riforma dello sport. “La formazione dei giovani atleti, il percorso formativo dei giovani, previsto con la stipula dei contratti di apprendistato professionalizzante di età a partire dai quindici anni, ha lo scopo di facilitare l’accesso alle professioni di lavoro sportivo, adattando le caratteristiche dell’apprendistato alle specificità dello sport in cui, come è noto, l’età di inizio e di cessazione differiscono rispetto a quelle del lavoro ‘comunè. Le società sportive potranno così proporre dei contratti ‘anticipatì di lavoro sportivo a giovani promesse che saranno tutelate dalla protezione del contratto”, spiega Ghirelli.
“A ciò si aggiunge, come da normativa, la possibilità di creare percorsi formativi paralleli parte sportiva e parte scolastica. Un aspetto fondamentale, che non può essere più procrastinato – prosegue il numero 1 della Lega Pro -. Infine, quanto al trattamento tributario, ho esposto al ministro Abodi l’importanza di far entrare in vigore il graduale inserimento nel settore professionistico di atleti e atlete di età inferiore a 23 anni, prevedendo che le loro retribuzioni non costituiscano reddito per il percipiente, al fine del calcolo delle imposte dirette, fino all’importo massimo di euro 15.000,00. Per gli sport a squadre, questa agevolazione si applica alle sole società sportive professionistiche il cui fatturato non superi i 5 milioni di euro nella stagione precedente. Ricordo, inoltre, che il Governo dal 2023 ha stanziato 4 milioni di euro per la copertura delle agevolazioni, un rinvio dell’entrata in vigore della norma comporterebbe quindi un gravissimo danno economico per le società. Senza contare i disagi a livello di programmazione perchè i club da tempo lavorano alacremente in proiezione della entrata in vigore di queste norme” conclude Ghirelli.
– foto LivePhotoSport –
(ITALPRESS).

Leggi tutto

Sport

Cancellato il Gp Cina dal Mondiale 2023 di Formula 1

Pubblicato

-

LONDRA (INGHILTERRA) (ITALPRESS) – La Formula 1 ha ufficializzato la cancellazione del Gran Premio della Cina dal calendario del Mondiale del 2023. Una decisione dovuta alle “continue difficoltà presentate dalla situazione Covid-19”. Il Gp di Shanghai era in programma il 16 aprile come quarta tappa del campionato, ma così come accade dal 2019 non si svolgerà ancora per questioni legate al Covid e alle politiche delle autorità locali. La F1 ritiene che non si potrebbe lavorare in condizioni normali e, dopo un incontro con gli organizzatori, è stata presa la decisione di cancellare il Gp. “La Formula 1 sta valutando opzioni alternative per sostituire lo slot nel calendario 2023 e fornirà un aggiornamento in merito a tempo debito”, informa una nota. Al momento, dunque, saranno 23 (ci saranno anche Monza e Imola) e non 24 i Gran Premi del prossimo Mondiale di F1.
– foto Image –
(ITALPRESS).

Leggi tutto

Sport

Non basta Doncic, Detroit batte Dallas al supplementare

Pubblicato

-

NEW YORK (STATI UNITI) (ITALPRESS) – Dopo le 13 partite del giorno precedente, una sola gara Nba nella notte italiana. Alla fine è Detroit a far festa battendo Dallas davanti al proprio pubblico e dopo un supplementare (131-125 il finale). I Mavericks escono sconfitti nonostante i 35 punti e 10 assist di Luka Doncic, non bastano neanche i 26 di Hardaway e i 25, dalla panchina, di Wood (per lui anche 8 rimbalzi). In doppia cifra Kleber con 10 punti, ma tra i Pistons sono in 6 ad andarci. Il più prolifico è Bojan Bogdanovic che mette a referto 30 punti, ne fanno 22 Hayes e 19 (con 13 rimbalzi) Bagley, poi dalla panchina arrivano i 16 di Ivey, gli 11 di Duren e i 10 di Burks.
– foto LivePhotoSport –
(ITALPRESS).

Leggi tutto
Advertisement


Agenzia Creativamente Itinerari News Pronto Meteo
Casa e consumi by Altroconsumo

Primo piano