Seguici sui social

Cronaca

Milano, tre dipinti di Brera tornano a splendere dopo un restauro

Pubblicato

-

MILANO (ITALPRESS) – Restituire allo splendore originale tre capolavori del patrimonio artistico dell’Accademia di Brera raffiguranti episodi storici e mitologici di grande fascino e drammaticità. E celebrare con un’iniziativa culturale e di responsabilità sociale i vent’anni di attività nell’Executive Search per importanti gruppi internazionali e primarie realtà imprenditoriali. E’ con queste finalità che Value Search, società milanese focalizzata nella ricerca di executive, ha deciso di impegnarsi in un progetto che ha l’obiettivo di dare valore e concretezza alla collaborazione pubblico-privato. L’iniziativa, che sarà presentata ufficialmente questa sera presso la Sala Napoleonica dell’Accademia di Brera, prevede che tre dipinti del patrimonio dell’Accademia di Belle Arti di Brera vengano sottoposti a un intervento di restauro che richiederà 18 mesi di lavoro. L’intervento, che è stato affidato a Simona Fiori, è il primo di questo tipo mai realizzato dall’Accademia di Brera grazie al contributo di una società privata. D’altra parte Value Search è una realtà unica nel suo genere. Fondata nel 2003 a Milano da Giovanna Brambilla, la società opera a livello globale con un approccio di stretta partnership con i propri clienti con l’obiettivo di “incrementare il loro valore ricercando persone di valore”. “Volevamo celebrare questo traguardo con un’iniziativa che restituisse un valore culturale e sociale alla fiducia che tanti manager e aziende ci hanno dato in questi anni – ha spiegato Giovanna Brambilla -. Il fatto di aver trovato in un’istituzione milanese importante come l’Accademia di Belle Arti di Brera l’interlocutore giusto per dare forma al nostro progetto è motivo di orgoglio e di soddisfazione, così come il fatto di poter contribuire a recuperare e valorizzare una piccola parte del patrimonio artistico nazionale”. Dei tre dipinti, tutti realizzati nell’Ottocento con la tecnica olio su tela, quelli che presentano le problematiche maggiori sono l’opera di Francesco Nenci intitolata Zenobia tratta dal fiume Arasse da alcuni pastori Parti (ante 1809) e Ciro ritrova Pantea col cadavere di Abradate (1853) di Carlo Prayer. Per queste due opere l’intervento di restauro sarà particolarmente delicato e complesso. Il terzo dipinto, Il duca Francesco Sforza pone la prima pietra dell’Ospedale Maggiore (1853) di Ismaele Teglio Milla, allievo a Brera di Francesco Hayez, presenta invece minori criticità. “Siamo estremamente grati a Value Search per la sua generosità nell’aver scelto di celebrare il suo ventennale sostenendo il restauro di tre dipinti del nostro patrimonio storico, restituendoli alla comunità e agli studi, con un’operazione in fruttuosa sinergia fra pubblico e privato”, ha detto il Direttore dell’Accademia, professor Giovanni Iovane.(ITALPRESS).

Foto: Ufficio Stampa Value Search

Cronaca

Guendouzi e Cataldi, la Lazio vince 2-0 a Torino

Pubblicato

-

TORINO (ITALPRESS) – La Lazio batte il Torino per 2-0 con i gol di Guendouzi e Cataldi e può continuare a sognare la Champions, mentre ai granata non rimane che, nel match valido per il recupero della 21esima giornata di Serie A, assaggiare l’amaro sapore della sconfitta per la prima volta nel 2024.
Il primo tempo è a forti tinte granata. Fin dall’avvio quando, su cross di Bellanova, Sanabria gira verso la porta colpendo in pieno il palo. Il Torino è più in partita rispetto alla Lazio, sono gli uomini di Juric a fare la gara e soprattutto ad avere le occasioni migliori. Prima è Zapata, di testa, a svettare ma senza inquadrare la porta, poi la stessa sorte tocca a Masina che incorna non trovando lo specchio per centimetri. In mezzo alle due occasioni, a certificare il predominio, anche la conclusione di Vlasic su assist ancora di Bellanova, ma il suo destro è alzato da Provedel in calcio d’angolo. La ripresa inizia con il cambio tra Hysaj e Lazzari, ma il copione è sempre lo stesso con l’azione in fotocopia a far correre Bellanova sulla destra e a servire in mezzo Zapata; stavolta la conclusione non colpisce il palo, ma finisce fuori di poco.
La Lazio, però, ha dalla sua il cinismo che viene fuori al 50° quando, alla prima occasione vera del match, passa grazie al destro di Guendouzi, servito da Luis Alberto, che batte Milinkovic-Savic per il vantaggio biancoceleste. Una qualità che mostra ancora 6 minuti più tardi quando Cataldi, servito ancora da Luis Alberto, calcia con il piatto facendo baciare il palo al pallone prima che quest’ultimo si adagi sul fondo della rete. L’uno-due subito è una mazzata tremenda per il Torino che non riesce a reagire finendo per uscire progressivamente dal match lasciando campo alla Lazio. A ridare vigore ai granata ci pensa l’espulsione di Gila per doppia ammonizione ma le speranze di rimonta si interrompono sul destro di Ricci che, dal limite dell’area piccola, non trova lo specchio facendo calare il sipario sul match.
– foto Image –
(ITALPRESS).

Leggi tutto

Cronaca

Milan ko in Francia ma agli ottavi, il Rennes vince 3-2

Pubblicato

-

RENNES (FRANCIA) (ITALPRESS) – Un Milan fragile in difesa ringrazia il 3-0 dell’andata e passa il turno, accedendo agli ottavi di Europa League, nonostante il ko per 3-2 maturato a Rennes. E’ uno scatenato Bourigeaud, autore di una tripletta, il migliore in campo di una sfida che vede andare a segno anche Jovic e Leao. Dopo meno di due minuti, si apre uno spazio invitante proprio per Leao sulla sinistra con il portoghese che salta secco un avversario e va al tiro con il sinistro, ma Mandanda salva in uscita. I padroni di casa concedono qualche ripartenza di troppo ai loro avversari, ma il rischio paga e all’11’ arriva il gol del vantaggio. Bourigeaud riceve palla dai 20 metri, se la sistema sul destro e batte Maignan con una precisa conclusione nell’angolino firmando l’1-0. Lo spavento però passa in fretta e al 22′ arriva il pareggio. Reijnders allarga sulla sinistra per Hernandez, con il capitano pennella una palla al bacio al centro sulla quale arriva puntuale Jovic, il quale insacca di testa. Cinque minuti dopo, la difesa rossonera sbanda e Maignan compie un miracolo alzando in corner un tiro a botta sicura di Kalimuendo.
Il primo tempo termina sull’1-1. In avvio di ripresa, Leao parte in campo aperto ben imbeccato da Jovic, ma il suo destro ravvicinato è molle e viene parato in tuffo da Mandanda. Un nuovo colpo di scena arriva al 7′, quando l’arbitro concede un calcio di rigore per un presunto contatto in area tra Kjaer e Terrier. Dal dischetto si presenta Bourigeaud, che firma il 2-1 e la doppietta personale. Il pubblico ritrova entusiasmo, che viene però spento al 13′ quando Leao, dopo una gara condita da tanti errori, va in fuga sulla sinistra, entra in area e sfrutta un rimpallo tra Omari e il suo portiere per poi firmare a porta vuota il più facile dei gol. E’ il 2-2 che sembra mettere in cassaforte la qualificazione, ma pochi istanti dopo arriva un nuovo penalty per i francesi, dopo la revisione al Var, quando Jovic commette un fallo di mano su un colpo di testa di Kalimuendo. Dagli 11 metri si presenta ancora Bourigeaud che in vantaggio i suoi siglando la tripletta personale. Gli uomini di Pioli si schiacciano nella propria metà campo, ma riescono a resistere alle folate offensive dei transalpini. L’ultima chance arriva all’88’, quando Maignan devia in corner un destro del neo entrato Salah. Il risultato non cambierà più. Il Milan accede così gli ottavi di finale e attende il sorteggio di domani per scoprire la sua prossima avversaria.
– foto Image –
(ITALPRESS).

Leggi tutto

Cronaca

REGIONE LOMBARDIA – LOMBARDIA- SVIZZERA, TAVOLO ISTITUZIONALE

Pubblicato

-

Condividi

Il dialogo bilaterale tra Lombardia e Confederazione elvetica ha vissuto, a Palazzo Lombardia, un nuovo appuntamento con la presenza del presidente Attilio Fontana e dell’assessore regionale ai Rapporti con la Confederazione elvetica, Massimo Sertori. Obiettivo, intensificare i rapporti.

Leggi tutto
Advertisement


Agenzia Creativamente Itinerari News Pronto Meteo
Casa e consumi by Altroconsumo

Primo piano