Seguici sui social

Cronaca

Letta “Manovra improvvisata, iniqua e inadeguata”

Pubblicato

-

ROMA (ITALPRESS) – “Fin dall’inizio abbiamo identificato questa legge di bilancio come improvvisata, iniqua, inadeguata. Daremo battaglia per cambiarla, le attese erano ben altre, a partire dalla difesa dei lavoratori, delle imprese, delle famiglie rispetto alla gravissima situazione dell’inflazione”. Lo ha detto il segretario del Pd Enrico Letta, aprendo la Direzione nazionale.
“Presenteremo le nostre controproposte, a partire da una grande mobilitazione nelle piazze il 3 dicembre fino ad arrivare al 17 con una grande manifestazione nazionale. Partiremo dai temi assenti in questa legge di bilancio, a cominciare dal salario minimo”, ha aggiunto Letta, per il quale il Governo “non mette al centro la questione sociale. Con la legge di bilancio potevano fare peggio? Potevano sfasciare i conti pubblici? Questo è un non argomento, noi non siamo in un momento di transizione, siamo in un momento cruciale, siamo in bilico rispetto alla recessione. E’ necessario che ci siano le scelte giuste e ambiziose, dobbiamo indossare fino in fondo i panni dell’opposizione”, ha sottolineato il leader dem.

– foto Agenziafotogramma.it –

(ITALPRESS).

Cronaca

Autonomia, Calderoli “Cabina di regia prevista in legge stabilità”

Pubblicato

-

VENEZIA (ITALPRESS) – “Una apposita cabina di regia è prevista nell’ambito della legge di stabilità”. Lo ha detto, parlando di autonomia, il Ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Roberto Calderoli che ha incontrato il Presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, oggi, a Palazzo Balbi.
“Nell’arco di un anno – aggiunge – dovrà definire i livelli essenziali di prestazione LEP, insieme ai relativi costi e ai fabbisogni standard. Solo dopo la definizione dei LEP sarà consentito il trasferimento delle funzioni ulteriori alle Regioni. Questo modello si chiama dell’autonomia differenziata, proprio perchè le competenze sulle varie materie vengono richieste sulla base delle potenzialità e del contesto di ogni singola Regione. Sarà necessaria una legge di attuazione e, portando avanti tutto in parallelo, dovremmo poter affrontare e votare le singole intese, stabilite per la fine del 2023 e affidarle al Parlamento”.
“Con l’autonomia non vogliamo togliere niente a nessuno – ha precisato il presidente Zaia -. Siamo convinti di essere legati a doppio filo con le altre Regioni e rifiutiamo ancora una volta l’accusa di voler la secessione dei ricchi. Abbiamo ben chiaro che il Paese se cresce lo fa tutto assieme, se sprofonda lo fa tutto assieme. Chiediamo solo che la competenza che ci verrà riconosciuta in ognuna delle materie, venga trasferita insieme alle risorse che lo Stato dedica già a quella materia per il Veneto. Questo significa non togliere nulla a nessuno. Se poi per qualcuno l’obbiettivo è l’equa divisione del malessere, allora noi non ci stiamo. Non accettiamo la regola di chi ritiene che ‘mal comune sia mezzo gaudiò. Per noi l’autonomia rimane vera assunzione di responsabilità, un nuovo corso per questo Paese”.
-foto ufficio stampa Regione Veneto-
(ITALPRESS).

Leggi tutto

Cronaca

Meloni “Casa bene primario, rigenerare le periferie”

Pubblicato

-

ROMA (ITALPRESS) – “La rigenerazione urbana delle periferie ha un ruolo di importanza cruciale per migliorare la qualità della vita dei cittadini e per accrescere la capacità di attrazione delle attività sociali ed economiche delle aree periferiche delle nostre città. Purtroppo, in passato le periferie sono state spesso oggetto di scelte urbanistiche sbagliate, dettate più dalla speculazione che dalla volontà di costruire spazi a misura d’uomo capaci di mettere al centro la persona e i suoi bisogni.
Gli interventi di riqualificazione delle periferie e le politiche abitative non possono non considerare la dimensione umana”.
Così il premier Giorgia Meloni, in un messaggio inviato in occasione dell’undicesima Convention nazionale di Confabitare.
“La casa rappresenta il bene primario attorno alla quale le persone costruiscono il proprio futuro e il punto di partenza per le relazioni sociali”, aggiunge. “E’ la ragione per la quale questo Governo ha deciso di dare già alcuni segnali in questa manovra, confermando le agevolazioni per gli under 36 nell’acquisto della prima casa e la possibilità di avere la garanzia dello Stato sul mutuo fino all’80%. E’ la stessa ragione che ci ha portato, sempre in questa legge di bilancio, a difendere i diritti dei proprietari e stabilire un principio di civiltà: l’esenzione dal pagamento dell’Imu sugli immobili occupati abusivamente. Misure – spiega – alle quali ne seguiranno altre ma che confermano l’attenzione del Governo. Bisogna cambiare radicalmente paradigma e mettere al centro dei progetti di rigenerazione urbana e delle politiche per la casa le persone, con i loro bisogni e i loro desideri. Trasformare ogni periferia in un centro è il nostro obiettivo e intendiamo raggiungerlo anche insieme a voi, alle vostre proposte e al vostro impegno”, conclude il presidete del Consiglio.
(ITALPRESS).
-foto Palazzo Chigi-

Leggi tutto

Cronaca

Arduini “Con la pandemia cambiamenti epocali anche per la comunicazione”

Pubblicato

-

ROMA (ITALPRESS) – “Il 2022 è un anno in cui abbiamo portato a casa il risultato, le aziende di comunicazione sono andate abbastanza bene. Se non ci fossero state alcune situazioni endogene, come la guerra, sarebbe andata ancora meglio”. Lo ha detto Davide Arduini, presidente di UNA – Aziende della Comunicazione Unite, intervistato da Claudio Brachino per il magazine televisivo Italpress €conomy.
Fanno parte di UNA 250 aziende, “un numero iconico – ha spiegato Arduini – perchè mai nella storia della comunicazione italiana era stata superata questa soglia”.
Con la pandemia “c’è stato un cambiamento epocale e strutturale per tutto il mondo, compreso quello della comunicazione”, ha detto. “La pandemia – ha aggiunto – ha avuto una serie di aspetti negativi ma ce n’è uno positivo: siamo diventati bravi ad affrontare le crisi, una dopo l’altra. Tutte le aziende di comunicazione – ha continuato – si sono adattate forse anche prima degli altri, perchè avevano una naturale elasticità nell’attività che facevano e hanno affrontato il mondo in maniera aperta. In questo momento siamo alla fase 2 della trasformazione, cioè quella di rendere permanenti gli aspetti positivi”.
Per esempio, “le aziende di comunicazione – ha affermato il presidente di UNA – non discutono più se lo smart working ha senso o no perchè è connaturato nell’attività che facciamo. Quello che ha senso è capire quanto valore possiamo produrre con il nuovo assetto organizzativo”.
Anche i social network hanno trasformato il mondo della comunicazione. “Le aziende di comunicazione – ha sottolineato – hanno un compito fondamentale: devono cavalcare tutti i trend, sebbene a volte possano anche non essere quelli vincenti”. Ora i social network hanno un loro ruolo anche nelle campagne elettorali. “Quello che è successo nell’ultima tornata elettorale – ha spiegato il presidente di UNA – è che forse non tutti siamo riusciti a capire che esistono mezzi nuovi attraverso i quali fare comunicazione. Il famoso intervento di Berlusconi su TikTok – ha proseguito – ha prodotto tantissimi contatti ma il personaggio era distonico rispetto al mezzo. I singoli target per essere raggiunti hanno bisogno di avere il proprio strumento”. Adesso, quindi, rispetto a prima “ci sono tantissimi target ed è diventato molto più difficile”, ha detto.
In questo contesto, per Arduini, “da un lato i politici hanno bisogno dei social per poter raccogliere consenso e dall’altro lato i social hanno bisogno dei consumatori, dei cittadini, delle persone. Il vero valore aggiunto è avere dati. Su questo – ha affermato – stiamo lavorando come associazione ma si sta lavorando anche a livello globale per avere un criterio etico con cui devono venire utilizzati i dati”.

– foto Italpress –

(ITALPRESS).

Leggi tutto
Advertisement


Agenzia Creativamente Itinerari News Pronto Meteo
Casa e consumi by Altroconsumo

Primo piano