Seguici sui social

Sport

Mei “Nel 2022 confermata la strada tracciata a Tokyo”

Pubblicato

-

ROMA (ITALPRESS) – “E’ stato un ottimo anno di assestamento, iniziato a marzo ai Mondiali indoor di Belgrado con l’oro di Jacobs nei 60 metri e il bronzo di Tamberi nell’alto e poi si è proseguito sull’onda lunga di Tokyo. Senza mischiare le varie competizioni, bisogna capire se la strada tracciata si conferma e direi che sia i Mondiali di Eugene che gli Europei di Monaco lo dimostrano”. Ne è convinto Stefano Mei, presidente della Fidal che da Tokyo in poi continua a ottenere successi importanti. Anche in questo 2022, tra Mondiali ed Europei, l’inno di Mameli è risuonato con regolarità. “A Monaco abbiamo vinto tante medaglie, non abbiamo battuto il record di Spalato ’90 ma se andiamo ad analizzare la classifica a punti abbiamo fatto meglio – ha detto Mei all’Italpress -. Ad Eugene, a parte le medaglie, ci sono stati dieci finalisti, gli stessi di Tokyo ma di questi ben otto erano differenti. Quindi significa che la base degli aspiranti a medaglia si è allargata ed è questo ciò che fa sorridere la Federazione”.
E dietro i campioni affermati, che si sono confermati, ci sono diversi giovani che crescono e iniziano a “spingere”. “Si sta allargando la base di atleti della Nazionale italiana che può ambire a grandi prestazioni. Arrivare nei primi tre è molto difficile soprattutto in ambito mondiale. Larissa Iapichino, come Gaia Sabatini, Andrea Dallavalle e altri che stanno emergendo secondo me sono anche un pò mossi dallo spirito di emulazione delle cinque medaglie olimpiche. Si sta creando un circolo virtuoso che negli anni ’80 fece partire Mennea e Simeoni e che diedero vita agli exploit degli anni ’90” commenta Mei, impegnato anche nell’organizzazione degli Europei del 2024 a Roma. “La Fondazione sta andando avanti, siamo un pò in ritardo ma la Fidal con tutti i suoi capi area sta già lavorando da un anno e mezzo affinchè gli Europei di Roma 2024 siano i migliori di tutti i tempi. A brevissimo avremo anche un direttore generale che completerà la squadra”.
E sul neo ministro Abodi, Mei ha concluso:”E’ un uomo di sport, ha una grande esperienza nello sport, non ci sono dubbi sulle sue capacità tecniche. E’ un momento difficile con diversi problemi, ma credo che Abodi sia equilibrato, sa dove andare e come arrivarci. Tutti i presidenti, compreso Malagò, si affidano alle sue capacità. Sono certo che sotto la guida di Abodi lo sport italiano avrà certamente un beneficio. Credo sia la persona giusta per lo sport italiano”.
– foto Italpress –
(ITALPRESS).

Sport

Cancellato il Gp Cina dal Mondiale 2023 di Formula 1

Pubblicato

-

LONDRA (INGHILTERRA) (ITALPRESS) – La Formula 1 ha ufficializzato la cancellazione del Gran Premio della Cina dal calendario del Mondiale del 2023. Una decisione dovuta alle “continue difficoltà presentate dalla situazione Covid-19”. Il Gp di Shanghai era in programma il 16 aprile come quarta tappa del campionato, ma così come accade dal 2019 non si svolgerà ancora per questioni legate al Covid e alle politiche delle autorità locali. La F1 ritiene che non si potrebbe lavorare in condizioni normali e, dopo un incontro con gli organizzatori, è stata presa la decisione di cancellare il Gp. “La Formula 1 sta valutando opzioni alternative per sostituire lo slot nel calendario 2023 e fornirà un aggiornamento in merito a tempo debito”, informa una nota. Al momento, dunque, saranno 23 (ci saranno anche Monza e Imola) e non 24 i Gran Premi del prossimo Mondiale di F1.
– foto Image –
(ITALPRESS).

Leggi tutto

Sport

Non basta Doncic, Detroit batte Dallas al supplementare

Pubblicato

-

NEW YORK (STATI UNITI) (ITALPRESS) – Dopo le 13 partite del giorno precedente, una sola gara Nba nella notte italiana. Alla fine è Detroit a far festa battendo Dallas davanti al proprio pubblico e dopo un supplementare (131-125 il finale). I Mavericks escono sconfitti nonostante i 35 punti e 10 assist di Luka Doncic, non bastano neanche i 26 di Hardaway e i 25, dalla panchina, di Wood (per lui anche 8 rimbalzi). In doppia cifra Kleber con 10 punti, ma tra i Pistons sono in 6 ad andarci. Il più prolifico è Bojan Bogdanovic che mette a referto 30 punti, ne fanno 22 Hayes e 19 (con 13 rimbalzi) Bagley, poi dalla panchina arrivano i 16 di Ivey, gli 11 di Duren e i 10 di Burks.
– foto LivePhotoSport –
(ITALPRESS).

Leggi tutto

Sport

Il Giappone batte 2-1 la Spagna: entrambe agli ottavi

Pubblicato

-

DOHA (QATAR) (ITALPRESS) – Il Giappone firma il colpaccio e batte in rimonta la Spagna per 2-1, con le due squadre che possono comunque festeggiare insieme il passaggio del turno. Dopo il vantaggio iniziale di Morata e un sostanziale dominio delle Furie Rosse, sono i lampi di Doan e Tanaka in avvio di ripresa a ribaltare il punteggio e a decidere l’incontro, con i Samurai Blu che chiudono il girone addirittura al primo posto.
Gli iberici prendono subito in mano il pallino del gioco e all’11’ vanno in vantaggio. Azpilicueta pennella un gran cross dalla destra sulla testa di Morata, che firma l’1-0 e il terzo gol del suo torneo. L’attaccante ex Juventus ci riprova al 22′, ma la sua conclusione incrociata con il destro viene parata centralmente da Gonda. Gli spagnoli controllano la gara senza troppi affanni e il primo tempo si chiude sull’1-0 in loro favore. A meno di tre minuti dall’inizio della ripresa, un errore difensivo spagnolo permette agli asiatici di pareggiare. Balde si fa anticipare di testa, il neo entrato Doan si porta la palla sul sinistro e scaglia un tiro che piega le mani a un colpevole Simon che sembrava sulla traiettoria. Tre minuti dopo, si completa l’incredibile rimonta. Doan mette una palla tagliente dalla destra, Mitoma ci arriva in scivolata e crossa in mezzo per Tanaka che da due passi insacca anticipando Rodri e siglando il 2-1, con benedizione del Var. Al 25′ Mitoma sguscia via sulla sinistra e mette al centro per Doan che ci prova con il destro al volo ma sbaglia l’impatto con il pallone. Gli uomini di Luis Enrique riprendono a macinare possesso palla, ma in modo sterile. La prima occasione della ripresa arriva solo al 44′, quando Gonda deve respingere lateralmente un sinistro velenoso da fuori di Asensio. Pochi istanti dopo, il portiere interviene su Dani Olmo bloccando la sua conclusione ravvicinata dopo la chiusura di un buon triangolo con Ferran Torres. L’assalto finale di Busquets e compagni non produce ulteriori grattacapi alla difesa avversario e il risultato non cambierà più. Il Giappone firma così una nuova impresa conquistando i 3 punti che gli consentono di concludere il gruppo E in vetta a quota 6 e di volare agli ottavi, dove lunedì affronterà la Croazia. La Spagna perde ma si salva, centrando il secondo posto e passando così al turno successivo dove se la vedrà con il Marocco.
– foto agenziafotogramma.it –
(ITALPRESS).

Leggi tutto
Advertisement


Agenzia Creativamente Itinerari News Pronto Meteo
Casa e consumi by Altroconsumo

Primo piano