Seguici sui social

Sport

Berrettini torna al successo, Italia-Brasile 3-1

Pubblicato

-

BRISBANE (AUSTRALIA) (ITALPRESS) – Al “Queensland Tennis Centre” di Brisbane, l’Italia ha battuto 3-1 il Brasile nella sfida valida per il Gruppo E della “United Cup”, nuovo evento a squadre che ha dato il via alla stagione 2023. Nella notte italiana Matteo Berrettini, n.16 Atp, si è imposto per 6-4 76-(7), in un’ora e 56 minuti, su Thiago Monteiro, n.71, tornando al successo in singolare dopo oltre due mesi (la finale dell’ATP di Napoli persa contro Musetti lo scorso 23 ottobre il suo ultimo match ufficiale). Prestazione monstre al servizio del 26enne romano che ha vinto l’88% dei punti con la prima (38 su 43), non ha concesso nemmeno una palla-break e ha dettato il ritmo dello scambio con il diritto ogni volta che ha potuto. Berrettini aveva già battuto Monteiro quest’anno negli ottavi sulla terra di Rio de Janeiro al termine di una battaglia di quasi tre ore. Stavolta la vittoria è stata un pò meno complicata, ma solo un pò. Primo set deciso da un break al decimo gioco sulle prime (ed uniche) due chance concesse da Monteiro in tutto l’incontro. Seconda frazione ancora più equilibrata decisa da un tie-break appassionante dove Matteo ha annullato due set-point prima di riuscire a chiudere per 9 punti a 7 al secondo match-point. “Sono piuttosto soddisfatto – ha commentato Berrettini – E’ passato molto tempo dall’ultima volta che ho giocato una partita in singolare quindi non sapevo cosa aspettarmi. Penso che il livello sia stato piuttosto alto. Sono contento per la mia prestazione, ma ovviamente quando giochi in questo tipo di competizioni la cosa più importante è ottenere la vittoria e portare un punto per la squadra ed è per questo che sono ancora più felice. E’ una questione di cuore, soprattutto quando giochi per l’Italia. Quando vedi i tuoi compagni in panchina devi dare qualcosa in più ed è quello che ho cercato di fare. Contro Thiago sono sempre partite difficili: è un tennista davvero tosto. Ma penso di aver giocato meglio nei momenti importanti ed è per questo che ho vinto”. Lucia Bronzetti, n.54 Wta, ha poi completato l’opera liquidando per 6-0 6-2, in un’ora e 17 minuti, Laura Pigossi, n.118 del ranking. Uno pari il bilancio dei precedenti, con la brasiliana vincitrice al secondo turno del 60mila dollari di Brescia nel 2017 (terra) e la romagnola a segno nel primo turno di Monterrey quest’anno (cemento). Fresca di “best ranking”, Lucia è partita fortissimo, rifilando un “bagel” (6-0) alla sua avversaria grazie ad una percentuale di prime dell’82% (contro il 33% della sudamericana). La 28enne di San Paolo è riuscita a conquistare il suo primo game, per giunta sul servizio della sua avversaria, soltanto sul 6-0 4-0 per Bronzetti. Anzi, è arrivata ad avere anche la chance del 4-3, ma la romagnola si è rimessa subito in carreggiata chiudendo 6-2 e regalando la vittoria all’Italia. In chiusura il doppio misto con Camilla Rosatello/Matteo Berettini che hanno ceduto per 6-4 6-7(4) 10-4, in un’ora e 54 minuti, a Luisa Stefani/Rafael Matos, che hanno reso meno pesante il passivo per il Brasile. Ieri Martina Trevisan, n.27 Wta, aveva ceduto per 6-2 6-0, in un’ora e 18 minuti, a Beatriz Haddad Maia, n.15, con la 26enne di San Paolo che si è aggiudicata tutti gli ultimi nove game del match. Quindi era arrivato il pareggio azzurro grazie a Lorenzo Musetti, n.23 Atp, che si era imposto per 6-3 6-4, in un’ora e 13 minuti, su Felipe Meligeni Alves, n.166. Lunedì 2 e martedì 3 gennaio la seconda sfida del Gruppo E che vedrà l’Italia impegnata contro la Norvegia.
– foto LivePhotoSport –
(ITALPRESS).

Sport

Malagò “Pnrr? Calcolo imbarazzante, al Coni neppure 1 euro”

Pubblicato

-

ROMA (ITALPRESS) – “Come è possibile che siamo tra i primi per risultati sportivi pur essendo così toccati dai provvedimenti normativi? Quei risultati non si faranno più, l’ho già detto. Se non cambiamo le politiche sulla natalità è impossibile farli di nuovo. A meno che non si acceleri moltissimo su altri settori, a cominciare ovviamente dal tema dell’impiantistica. Poi penso al PNRR, altro tema che va approfondito: 209 miliardi totali e solo 1 miliardo allo sport. Siamo allo 0,5%. Ma come? Mi chiedo: siamo i primi in molti sport, siamo a pezzi con le palestre e con l’impiantistica e tu, Stato, mi dai così poco? Poi andiamo a vedere come lo diamo questo miliardo: 300 milioni all’impiantistica, 700 al sistema. Il calciolo che esce fuori è imbarazzante”. Queste le parole del presidente del Coni, Giovanni Malagò, durante il “Forum Osservatorio Valore Sport”. “Chi c’era o non è stato capace, cosa che io penso, oppure non ha avuto gli strumenti per fare cose diverse. Poi sugli altri 700 milioni: noi siamo un ente pubblico, vi sembra normale che dei 700 milioni riversati sul sistema noi, come Coni, non abbiamo avuto un euro dal PNRR?” ha detto ancora Malagò. Il numero uno dello sport italiano ha anche sottolineato: “Il problema è che se non c’è continuità politica è impossibile fare le cose bene nello sport e ipotizzare discorsi a lungo termine. Il 24 giugno 2019 abbiamo portato a casa le Olimpiadi, ma da allora siamo al quarto governo. E ognuno di questi governi ha individuato un soggetto che si occupa di sport. Un soggetto che si porta poi un capo gabinetto, un capo legislativo, una segreteria tecnica, un capo dipartimento e nel frattempo ci abbiamo messo in campo l’ingresso di Sport e Salute. Così esce fuori un pastrocchio all’italiana” ha aggiunto Malagò.
“Sul PNRR è stata persa un’occasione più unica che rara. Questo è
un dato di fatto. Oggi con il governo c’è un dialogo molto
costruttivo su varie tematiche e sono ottimista, ma è chiaro che
alcune cose vanno riviste” ha aggiunto il capo dello sport
italiano, riferendosi alle risorse destinate al settore.
– foto LivePhotoSport –
(ITALPRESS).

Leggi tutto

Sport

Nations League, sarà Spagna-Italia in semifinale

Pubblicato

-

NYON (SVIZZERA) (ITALPRESS) – Sarà la Spagna l’avversaria dell’Italia in semifinale di Nations League: appuntamento per il 15 giugno a Enschede, alle 20.45. A Nyon è andato in scena il sorteggio della Final Four che si giocherà a giugno in Olanda e l’altra sfida per un posto nell’ultimo atto vedrà di fronte proprio la nazionale di casa, con Koeman nuovo ct al posto di Van Gaal, e la Croazia reduce dal terzo posto in Qatar: appuntamento a Rotterdam per il 14 giugno, alle 20.45.
Le due finali si giocheranno invece il 18 giugno: quella per il terzo posto a Enschede alle 15 e quella per il titolo alle 20.45 a Rotterdam.
Quello fra Spagna e Italia sarà il 40esimo confronto: fin qui 11 successi azzurri, 16 pareggi e 12 vittorie delle Furie Rosse, che dopo il Mondiale in Qatar hanno scelto Luis De la Fuente come selezionatore, preferendolo a Luis Enrique. L’ultima sfida fra le due nazionali si è giocata sempre in semifinale di Nations League, il 6 ottobre 2021 a San Siro: la spuntò per 2-1 la Spagna, poi battuta in finale dalla Francia.
– foto Image –
(ITALPRESS).

Leggi tutto

Sport

Semifinale Sabalenka-Linette agli Australian Open

Pubblicato

-

MELBOURNE (AUSTRALIA) (ITALPRESS) – Aryna Sabalenka e Magda Linette si affronteranno nella semifinale della parte bassa del tabellone degli Australian Open femminili, primo Slam della stagione in corso sui campi in cemento del Melbourne Park. La bielorussa, quinta testa di serie, si conferma in grande forma: 6-3 6-2 su Donna Vekic e quarta semifinale in carriera in uno Slam. Arrivata a Melbourne con in tasca il successo nel primo dei due tornei disputati ad Adelaide, la Sabalenka in questo 2023 ha vinto nove match su nove e senza mai perdere un set, cedendo appena 26 giochi nello Slam australiano. Ora la caccia alla sua prima finale in un Major, Linette permettendo. La favola della 30enne polacca prosegue: dopo Kontaveit, Alexandrova e Garcia, anche l’ex numero uno del mondo Karolina Pliskova deve arrendersi. La Linette si impone per 6-3 7-5 in 87 minuti e per la prima volta in carriera raggiunge la semifinale di uno Slam, dove finora non si era mai spinta oltre il terzo turno. “Ancora non ci credo”, confessa la polacca, sempre sconfitta però nei due precedenti con la Sabalenka, l’ultimo ai Giochi di Tokyo dove la bielorussa ha avuto la meglio per 6-2 6-1. Nella parte alta del tabellone, invece, si contenderanno un posto in finale la due volte campionessa di Melbourne, Victoria Azarenka, e la vincitrice dell’ultimo Wimbledon, Elena Rybakina.
– foto LivePhotoSport –
(ITALPRESS).

Leggi tutto
Advertisement


Agenzia Creativamente Itinerari News Pronto Meteo
Casa e consumi by Altroconsumo

Primo piano