Seguici sui social

Sport

L’Udinese vince ancora, Verona beffato nel recupero

Pubblicato

-

VERONA (ITALPRESS) – Nel Monday Night del Bentegodi arriva la sesta vittoria consecutiva dell’Udinese che rimonta il Verona e in zona Cesarini passa per 2-1. Doig illude i padroni di casa, Beto e Bijol fanno volare i bianconeri friulani.
Cioffi lancia Verdi dall’inizio a sostegno di Henry e Piccoli, parte fuori Lasagna. Sottil rinuncia a Beto e nel suo tandem d’attacco con Deulofeu c’è Success. Pressing alto e intensità da parte degli ospiti sin dalle prime battute: dopo un rilancio impreciso di Montipò, Makengo ha il pallone del vantaggio ma calcia alto da ottima posizione. Il portiere dell’Hellas risponde invece presente su una girata di Perez e poi blocca a terra una conclusione di Deulofeu dopo che ci aveva provato anche Lovric senza inquadrare lo specchio. Tante occasioni per l’Udinese ma a metà frazione a passare è il Verona ed è bellissimo il gol di Doig che si coordina su un campanile alzato da Bijol e calcia al volo di collo esterno: il diagonale è un colpo da biliardo, la palla si insacca all’angolino basso sul secondo palo, nulla da fare per l’ex Silvestri. La reazione bianconera è immediata e se all’intervallo si arriva sull’1-0 il merito è anche di Montipò, provvidenziale sul sinistro da centro area di Pereyra e sicuro sulla botta dal limite di Walace. Una chance anche per Deulofeu che di testa non trova la porta, mentre al 45′, sugli sviluppi di un corner, ancora Walace calcia a giro e manda a lato di pochissimo.
In avvio di ripresa cala l’intensità dell’Udinese e Sottil corre subito ai ripari inserendo Ebosse, Samardzic e Beto. I cambi danno nuova linfa vitale ai friulani che riprendono la caccia. Lovric dalla distanza mette i brividi a Montipò, reattivo poi sull’altro neoentrato Arslan. Da fuori ci prova anche Samardzic e la sfera scheggia il palo alla destra del portiere. Il gol ospite è nell’aria e arriva a conclusione di un’azione iniziata proprio dal fantasista tedesco: Samardzic serve in area un pallone geniale che Deulofeu ammorbidisce per Beto, a sua volta implacabile davanti a Montipò. Nel finale cresce l’agonismo e il nervosismo (fioccano i gialli) e diminuiscono le occasioni. Ne basta una, in pieno recupero, all’Udinese: è ancora Samardzic, questa volta da calcio piazzato, a ispirare il colpo di testa di Bijol che al 93′ insacca in rete e alimenta ancora i grandi sogni bianconeri.
– foto Image –
(ITALPRESS).

Sport

Ghirelli ad Abodi “Apprendistato entri in vigore dall’1/1”

Pubblicato

-

ROMA (ITALPRESS) – “Concordo con il ministro Abodi sul rinvio delle norme della riforma dello sport dedicate al lavoro sportivo e all’abolizione del vincolo. Tuttavia, mi appello al ministro perchè l’apprendistato professionalizzante entri in vigore dal primo gennaio 2023 altrimenti ne conseguirà un danno economico e sociale per tutto il sistema, rendendo vani gli sforzi fatti in passato”. Così il presidente della Lega Pro, Francesco Ghirelli, sull’ipotesi paventata nei giorni scorsi dal ministro Abodi di rinviare una parte della riforma dello sport. “La formazione dei giovani atleti, il percorso formativo dei giovani, previsto con la stipula dei contratti di apprendistato professionalizzante di età a partire dai quindici anni, ha lo scopo di facilitare l’accesso alle professioni di lavoro sportivo, adattando le caratteristiche dell’apprendistato alle specificità dello sport in cui, come è noto, l’età di inizio e di cessazione differiscono rispetto a quelle del lavoro ‘comunè. Le società sportive potranno così proporre dei contratti ‘anticipatì di lavoro sportivo a giovani promesse che saranno tutelate dalla protezione del contratto”, spiega Ghirelli.
“A ciò si aggiunge, come da normativa, la possibilità di creare percorsi formativi paralleli parte sportiva e parte scolastica. Un aspetto fondamentale, che non può essere più procrastinato – prosegue il numero 1 della Lega Pro -. Infine, quanto al trattamento tributario, ho esposto al ministro Abodi l’importanza di far entrare in vigore il graduale inserimento nel settore professionistico di atleti e atlete di età inferiore a 23 anni, prevedendo che le loro retribuzioni non costituiscano reddito per il percipiente, al fine del calcolo delle imposte dirette, fino all’importo massimo di euro 15.000,00. Per gli sport a squadre, questa agevolazione si applica alle sole società sportive professionistiche il cui fatturato non superi i 5 milioni di euro nella stagione precedente. Ricordo, inoltre, che il Governo dal 2023 ha stanziato 4 milioni di euro per la copertura delle agevolazioni, un rinvio dell’entrata in vigore della norma comporterebbe quindi un gravissimo danno economico per le società. Senza contare i disagi a livello di programmazione perchè i club da tempo lavorano alacremente in proiezione della entrata in vigore di queste norme” conclude Ghirelli.
– foto LivePhotoSport –
(ITALPRESS).

Leggi tutto

Sport

Cancellato il Gp Cina dal Mondiale 2023 di Formula 1

Pubblicato

-

LONDRA (INGHILTERRA) (ITALPRESS) – La Formula 1 ha ufficializzato la cancellazione del Gran Premio della Cina dal calendario del Mondiale del 2023. Una decisione dovuta alle “continue difficoltà presentate dalla situazione Covid-19”. Il Gp di Shanghai era in programma il 16 aprile come quarta tappa del campionato, ma così come accade dal 2019 non si svolgerà ancora per questioni legate al Covid e alle politiche delle autorità locali. La F1 ritiene che non si potrebbe lavorare in condizioni normali e, dopo un incontro con gli organizzatori, è stata presa la decisione di cancellare il Gp. “La Formula 1 sta valutando opzioni alternative per sostituire lo slot nel calendario 2023 e fornirà un aggiornamento in merito a tempo debito”, informa una nota. Al momento, dunque, saranno 23 (ci saranno anche Monza e Imola) e non 24 i Gran Premi del prossimo Mondiale di F1.
– foto Image –
(ITALPRESS).

Leggi tutto

Sport

Non basta Doncic, Detroit batte Dallas al supplementare

Pubblicato

-

NEW YORK (STATI UNITI) (ITALPRESS) – Dopo le 13 partite del giorno precedente, una sola gara Nba nella notte italiana. Alla fine è Detroit a far festa battendo Dallas davanti al proprio pubblico e dopo un supplementare (131-125 il finale). I Mavericks escono sconfitti nonostante i 35 punti e 10 assist di Luka Doncic, non bastano neanche i 26 di Hardaway e i 25, dalla panchina, di Wood (per lui anche 8 rimbalzi). In doppia cifra Kleber con 10 punti, ma tra i Pistons sono in 6 ad andarci. Il più prolifico è Bojan Bogdanovic che mette a referto 30 punti, ne fanno 22 Hayes e 19 (con 13 rimbalzi) Bagley, poi dalla panchina arrivano i 16 di Ivey, gli 11 di Duren e i 10 di Burks.
– foto LivePhotoSport –
(ITALPRESS).

Leggi tutto
Advertisement


Agenzia Creativamente Itinerari News Pronto Meteo
Casa e consumi by Altroconsumo

Primo piano