Seguici sui social

Economia

Lavoro, con Decontribuzione Sud 79% contratti a tempo indeterminato

Pubblicato

-

Con Decontribuzione Sud, misura concessa a partire dal mese di ottobre 2020 che prevede un’agevolazione contributiva per l’occupazione in aree svantaggiate del Paese, nel 2021 i contratti di lavoro a tempo indeterminato rappresentano il 79% dell’insieme dei rapporti agevolati. E’ quanto emerge dai dati dell’Osservatorio delle politiche occupazionali e del lavoro dell’Inps. Nello stesso anno si riscontra l’aumento del numero dei lavoratori in apprendistato e delle loro trasformazioni a tempo indeterminato ma soprattutto dell’applicazione dei nuovi esoneri introdotti dalla legge 178/2020, al fine di contenere il perdurare degli effetti negativi sull’occupazione dovuti all’epidemia da Covid19. Ci si riferisce all’aumento dal 50% al 100% dell’esonero per le assunzioni/trasformazioni a tempo indeterminato effettuate nel biennio 2021-2022 sia con l’esonero giovani che con l’incentivo donne. Sempre nel 2021, si conferma la predominanza della componente maschile dei beneficiari di politiche attive in quasi tutte le tipologie di intervento.
Ad eccezione delle agevolazioni per gli ultracinquantenni e le donne e per le assunzioni in sostituzione di lavoratori in astensione obbligatoria o facoltativa, per le quali è maggioritaria la componente femminile. La differenza di genere è meno accentuata per le assunzioni con gli Esoneri Giovani e quasi inesistente per l’esonero di cui all.art.7 DL 104/2020. Nel 2021, per i contratti di apprendistato la fascia di età con più presenze di beneficiari si conferma quella dei giovani tra i 20 e i 24 anni, con un maggior numero di stabilizzazioni di apprendisti tra i 25 e i 29 anni. Per i lavoratori assunti con l’agevolazione prevista per gli ultracinquantenni e le donne, la maggiore frequenza si riscontra tra gli over 50. Per quanto riguarda il nuovo esonero totale donne, emerge che nei rapporti di lavoro a tempo indeterminato sono coinvolte soprattutto le lavoratrici con oltre 40 anni di età a differenza di quelli a tempo determinato rivolti maggiormente a donne più giovani, tra i 30-39 anni.
(ITALPRESS).
-foto agenziafotogramma.it-

Economia

Pirelli, a Bari il “Digital Solutions Center”

Pubblicato

-

È stato presentato oggi il Digital Solutions Center (DSC) Pirelli di Bari, il primo centro di sviluppo interamente focalizzato sull’innovazione digitale, nato con l’obiettivo di arricchire le competenze interne sulle aree più strategiche per Pirelli. Il Digital Solutions Center Pirelli, esempio di impegno congiunto tra pubblico, privato e mondo accademico, era stato annunciato lo scorso maggio ed è oggi operativo. Alla presentazione sono intervenuti Marco Tronchetti Provera, vice presidente esecutivo e Ceo di Pirelli, con un video messaggio, Andrea Casaluci, general manager Operations di Pirelli, Michele Emiliano, presidente della Regione Puglia, Eugenio Di Sciascio, vice sindaco di Bari, e Pier Paolo Tamma, chief digital officer di Pirelli. L’incontro ha inoltre visto la partecipazione di Stefano Bronzini, Rettore dell’Università di Bari e Francesco Cupertino, Rettore del Politecnico di Bari.
I primi 11 dipendenti, destinati a diventare almeno 50 da qui al 2025, sono infatti già impiegati per lo sviluppo di software e algoritmi che saranno utilizzati nei più avanzati processi di progettazione, fabbricazione e commercializzazione dei pneumatici del gruppo in tutto il mondo. Tra i progetti chiave che si stanno sviluppando nel Digital Solutions Center Pirelli vi è l’ulteriore potenziamento della piattaforma di Big Data per la raccolta, la trasformazione e l’analisi di tutti i dati dell’ecosistema aziendale. Tale strumento consente l’elaborazione di algoritmi per accelerare i tempi di sviluppo dei prodotti, migliorarne ulteriormente la qualità, massimizzare l’efficienza dei macchinari, ottimizzare l’efficacia commerciale e realizzare nuovi servizi digitali. Inoltre, grazie a nuovi algoritmi – a supporto di tutte le funzioni aziendali e delle fabbriche – Pirelli sarà in grado di condurre studi direttamente sul “Digital Twin” del pneumatico, la replica digitale del prodotto fisico che consente la progettazione e lo sviluppo di nuove analisi di performance su prototipi virtuali. Inoltre, grazie all’ Industrial Internet of Things sarà possibile ottimizzare la supply chain attraverso modelli predittivi della domanda e migliorare i processi produttivi, prevedendo gli interventi di manutenzione dei macchinari con benefici in termini di costi e dei tempi di sviluppo e di risparmi sui consumi energetici e sui costi di trasformazione. Tra le tecnologie su cui può contare il centro, vi sono quelle presenti nell’ Innovation room, uno spazio che consente un vero e proprio co-working virtuale tra i dipendenti di Bari e le circa 500 persone del team Digital Pirelli a livello globale, oltre all’interazione con l’Headquarters Pirelli, i suoi 18 stabilimenti del mondo Pirelli, i fornitori, i clienti e i vari poli universitari con i quali l’azienda collabora in progetti di open innovation e scambi di competenze. Tra questi, un ruolo di primo piano per il DSC è svolto dall’Università di Bari e dal Politecnico di Bari tanto che, nello spazio di Via Mazzitelli, è presente un’area destinata a ospitare anche i team di lavoro dei due poli universitari, che hanno tra le loro eccellenze la formazione delle nuove competenze nel mondo digitale. Con l’Università di Bari e con il Politecnico di Bari Pirelli sta finalizzando due progetti di collaborazione con l’obiettivo, rispettivamente, di ottimizzare i processi produttivi delle fabbriche attraverso lo sviluppo di sistemi di smart manufacturing e di supportare la digitalizzazione e l’intelligenza artificiale nelle varie fasi di progettazione del pneumatico. Il programma di collaborazione con i due atenei prevede, inoltre, alcuni corsi con la presenza di manager Pirelli, la realizzazione di altri progetti di ricerca e sviluppo congiunti e iniziative quali career day, seminari e hackaton, oltre a programmi di stage, tirocini e finanziamenti di dottorati di ricerca. Lo sviluppo del DSC consolida i legami tra Pirelli e il mondo universitario e rafforza il suo modello di open innovation che oggi vede l’azienda al lavoro su circa 58 progetti con 12 Università. Le collaborazioni dell’area Digital con il mondo accademico integrano e completano quelle della Ricerca & Sviluppo di Pirelli, con i suoi 13 centri di ricerca interni che occupano oltre 2mila persone a livello mondiale. In Italia, in particolare, Pirelli già collabora attivamente con Politecnico di Milano, Politecnico di Torino, Università Bocconi, Università Cattolica, Università degli Studi di Torino, Università degli Studi di Pisa e Università degli Studi di Milano Bicocca. “Quando un’idea si concretizza in breve tempo è sempre motivo di orgoglio. Volevamo creare un luogo in cui nuove risorse e giovani talenti contribuissero alla trasformazione digitale di Pirelli, alla base del fare industria oggi. Ora questo luogo esiste e sta partecipando a pieno titolo ai progetti che il nostro team Digital porta avanti in tutto il mondo. Ringrazio la Regione Puglia e la città di Bari per aver contribuito a rendere possibile tutto questo, e gli atenei di Bari per aver messo a disposizione le loro competenze e conoscenze per un progetto che consente di valorizzare tutto il territorio pugliese e l’industria italiana nel mondo”, ha detto Marco Tronchetti Provera, vice presidente esecutivo e Ceo di Pirelli.
(ITALPRESS).
-foto ufficio stampa Pirelli-

Leggi tutto

Economia

Trenitalia presenta Winter Experience, Corradi “Vera intermodalità”

Pubblicato

-

Trenitalia ha presentato la Winter Experience 2022, la nuova offerta invernale disponibile per i viaggiatori in tutto il Paese dal prossimo 11 dicembre. Come illustrato dall’Ad e direttore generale della società, Luigi Corradi, “le novità della Winter Experience sono veramente tante, ma riassunte in una parola sono: cercare di migliorare il servizio a 360 gradi che diamo ai nostri clienti e ai nostri passeggeri. Quindi non pensiamo più soltanto al treno, ma pensiamo anche a tutti i collegamenti che ti portano a prendere il treno, alla cosiddetta intermodalità che ci piace trasformare da una bella parola in una realtà realmente usufruibile dai nostri clienti”. In termini numerici si parla di 250 Frecce al giorno sull’intera rete, con Roma e Milano che vedranno aumentare i loro collegamenti (88 quelli giornalieri), sette no-stop a 2 ore e 59 minuti e Frecciarossa Duplex con oltre 900 posti offerti nelle fasce orarie a traffico elevato. Vengono potenziati anche i collegamenti verso il Sud e le soluzioni dirette e integrate treno+bus per raggiungere porti e aeroporti in tutta Italia grazie agli oltre 140 servizi disponibili del Regionale. Verranno inoltre messi a disposizione dei passeggeri 124 Intercity, di cui 24 Intercity Notte, per le medie località e i capoluoghi di provincia, con l’esclusivo servizio con le Cabine Excelsior esteso anche nei collegamenti tra Milano e la Sicilia oltre a quello già esistente tra Roma e l’isola. Anche i collegamenti con l’estero vedono delle novità importanti: a dicembre anche dalla Liguria sarà possibile raggiungere l’Austria e la Germania, grazie alle fermate di Genova e La Spezia. “Quello che presentiamo oggi è quanto più usiamo autobus e treno insieme per creare quei collegamenti dove per esempio in treno non ci si può arrivare – ha sottolineato Corradi – Parlando proprio di inverno si può arrivare oggi in tantissime località sciistiche anche grazie all’autobus. Facciamo un esempio su tutti con Cortina: si arriva a Venezia sulle nostre Frecce, o Intercity o Regionali, poi abbiamo degli autobus che noi creiamo apposta, legati agli orari dei treni, che ti portano a Cortina”. Quanto ai bilanci fino a oggi, ha detto: “Abbiamo fatto un’estate che ha superato i valori del 2019 cioè del pre-covid. E’ stato un grande successo dovuto anche al fatto che invito tutti a prendere il treno perché il servizio in treno è molto migliorato e stiamo facendo un grande sforzo per continuare a migliorarlo non solo sul Frecciarossa, sulle Frecce in generale ma anche sul trasporto regionale”.
Entrando nei dettagli, ha sottolineato che “quest’estate ci ha portato una media di 3-4% di viaggiatori in più rispetto al 2019, però se per esempio prendiamo il traffico transfrontaliero dalla Svizzera o dall’Austria abbiamo avuto picchi del 30% in più rispetto al precovid”.
Oltre al potenziamento dell’offerta e al recupero del mercato, l’attenzione dell’ente ferroviario si è concentrata anche su un approccio di sostenibilità a 360 gradi. “Trenitalia è sostenibile perché ha treni elettrici, però stiamo cercando di consumare meno. Quindi parliamo di treni che consumano il 30% in meno rispetto alla flotta precedente, grande riciclabilità dei materiali e presenza fino al 97% di materiali riciclabili – ha spiegato Corradi – Inoltre stiamo introducendo in servizio il Blues, un treno ibrido di trasporto regionale completamente nuovo che ha tre sistemi di propulsione: possiamo andare elettrici, o a batteria dove l’elettrificazione non c’è. Inoltre anche dove l’elettrificazione non c’è possiamo andare con motori di ultima generazione diesel che accettano anche il biodiesel”. Sostenibilità ambientale che si intreccia anche con quella economico-sociale, soprattutto alla luce del contesto attuale con il rialzo dell’inflazione e dei costi dell’energia. “Lo sforzo di Trenitalia sarà anche nel periodo invernale quello di contenere al massimo i prezzi per dare anche una sostenibilità sociale, non solo ambientale. Io dico prendete il treno perché è sempre più conveniente rispetto ad altri mezzi di mobilità. Non abbiamo scaricato i costi del caro energia sui biglietti”, ha concluso Corradi.
(ITALPRESS).
-foto ufficio stampa Fs-

Leggi tutto

Economia

Manovra, Bombardieri “Avvieremo un periodo di mobilitazione”

Pubblicato

-

ROMA (ITALPRESS) – “Noi utilizziamo gli strumenti classici che abbiamo, quello della mobilitazione, ovvero andare in giro nei territori, nelle piazze e sui posti di lavoro a spiegare perché la manovra non ci convince e ricordare le nostre tre proposte unitarie che abbiamo fatto al governo. Lo sciopero è uno strumento e non un obiettivo, abbiamo indetto un periodo di mobilitazione anche abbastanza lungo e” sullo sciopero “valuteranno i territori”. Così il segretario generale della UIL, PierPaolo Bombardieri a Radio Anch’io su Rai Radio1. “Al primo incontro con il presidente del Consiglio noi avevamo chiesto di affrontare quella che secondo noi è la prima emergenza, la perdita di potere d’acquisto di lavoratori e pensionati, avevamo fatto delle proposte ma non c’è stata nessuna risposta. Invece troviamo alcune scelte di fondo che contrastano con le nostre richieste”, spiega.
“In questo Paese si schiaccia l’occhio a chi evade le tasse. Si fa l’ulteriore condono per le cartelle fino a mille euro e poi ci si dice che riguardano le persone morte, ma in questo Paese c’è l’85% dell’Irpef che è versato da lavoratori dipendenti e pensionati. Inoltre, c’è la possibilità di utilizzare fino a 5mila euro di contanti” ha continuato il segretario generale della UIL. “Questa manovra schiaccia l’occhio a chi non paga le tasse”, ribadisce.
(ITALPRESS).

Leggi tutto
Advertisement


Agenzia Creativamente Itinerari News Pronto Meteo
Casa e consumi by Altroconsumo

Primo piano