Seguici sui social

Sport

La Salernitana frena il Napoli, festa scudetto rinviata

Pubblicato

-

NAPOLI (ITALPRESS) – Festa rimandata per il Napoli, che pareggia per 1-1 in casa con la Salernitana senza riuscire a conquistare i tre punti che gli sarebbero aritmeticamente valsi il terzo scudetto della storia. La sfida si decide nella ripresa, con Olivera che porta in vantaggio i partonepei prima del gran gol di Dia nel finale. Il clima al Maradona è infuocato e dopo appena un minuto Osimhen si rende pericoloso con un colpo di testa che termina a lato. L’attaccante nigeriano ci riprova al 23′, ma Ochoa neutralizza l’incornata del suo avversario deviando in corner. Il portiere messicano si ripete al 42′, quando respinge in tuffo un sinistro dalla distanza di Anguissa. Sarà l’ultima occasione del primo tempo, che si chiude a reti bianche. I campani ripartono all’attacco, ma i granata si difendono bene. Il muro ospite cade però al 17′. Il neo entrato Raspadori calcia un angolo dalla destra trovando Olivera, che di testa anticipa tutti e infila Ochoa nell’angolino lontano. E’ il gol che fa definitivamente esplodere il Maradona, con il pubblico che inizia a sentire il profumo di scudetto. Al 33′ è Osimhen a cercare il raddoppio con un destro dalla lunga distanza, ma Ochoa è ancora attento in tuffo. Due minuti dopo, Kvaratskhelia parte in progressione al termine di una ripartenza e va al tiro con il mancino ma la sfera esce di un soffio. Il tricolore sembra ormai cucito sul petto, ma al 39′ arriva la doccia fredda. Dia prende palla dalla sinistra, si accentra saltando secco Osimhen e pesca un sinistro magico che si spegne sotto l’incrocio lontano per l’1-1 che gela lo stadio. I partenopei si riversano in avanti e pochi istanti dopo ci vogliono ancora i guantoni di Ochoa a fermare un destro di Kvaratskhelia. L’assalto finale degli azzurri non sortisce alcun effetto e il risultato non cambierà più. Gli uomini di Spalletti torneranno in campo giovedì sera a Udine: per il titolo è ormai solamente questione di giorni.
– foto LivePhotoSport –
(ITALPRESS).

Sport

Calafiori e Fagioli nella lista dei 30 per Euro2024

Pubblicato

-

ROMA (ITALPRESS) – I campioni in carica pronti a mettersi in cammino per difendere il titolo in Germania. A distanza di 1055 giorni dal trionfo di Wembley, inizia una nuova avventura europea per la Nazionale, che venerdì 31 maggio si radunerà al Centro tecnico federale di Coverciano per cominciare la preparazione a Euro2024. Il Ct Luciano Spalletti – che giovedì 6 giugno diramerà la lista degli azzurri che prenderanno parte al Campionato Europeo – ha convocato 30 calciatori per il raduno: prima chiamata in Nazionale per il difensore del Bologna, Riccardo Calafiori, che nel 2022 aveva preso parte agli stage dedicati ai calciatori di interesse nazionale, e seconda convocazione per il centrocampista della Juventus Nicolò Fagioli a un anno e mezzo di distanza dalla prima e unica presenza in maglia azzurra in occasione dell’amichevole con l’Albania del novembre 2022. Seconda chiamata anche per Raoul Bellanova (Torino) e Michael Folorunsho (Verona), già convocati a marzo per le due amichevoli negli Stati Uniti con Venezuela ed Ecuador. Tornano in Nazionale il centrocampista del Torino Samuele Ricci e il portiere della Lazio Ivan Provedel, assenti rispettivamente dal novembre 2022 e dal novembre 2023. Fuori dalla lista, tra gli altri, il centrocampista della Juventus, Manuel Locatelli, e l’attaccante della Lazio, Ciro Immobile. Prima della partenza per la Germania, fissata per lunedì 10 giugno, la Nazionale disputerà due test amichevoli: martedì 4 giugno con la Turchia (ore 21, stadio ‘Renato Dall’Arà di Bologna) e domenica 9 giugno con la Bosnia Erzegovina (ore 20.45, stadio ‘Carlo Castellanì di Empoli). All’indomani del match con la nazionale bosniaca l’Italia raggiungerà la Germania, dove nel quartier generale di Iserlohn sosterrà le ultime sedute di allenamento prima dell’esordio nel Campionato Europeo in programma sabato 15 giugno a Dortmund con l’Albania.
I convocati per il raduno: Portieri: Gianluigi Donnarumma (Paris Saint Germain), Alex Meret (Napoli), Ivan Provedel (Lazio), Guglielmo Vicario (Tottenham).
Difensori: Francesco Acerbi (Inter), Alessandro Bastoni (Inter), Raoul Bellanova (Torino), Alessandro Buongiorno (Torino), Riccardo Calafiori (Bologna), Andrea Cambiaso (Juventus), Matteo Darmian (Inter), Giovanni Di Lorenzo (Napoli), Federico Dimarco (Inter), Gianluca Mancini (Roma), Giorgio Scalvini (Atalanta).
Centrocampisti: Nicolò Barella (Inter), Bryan Cristante (Roma), Nicolò Fagioli (Juventus), Michael Folorunsho (Hellas Verona), Davide Frattesi (Inter), Jorginho (Arsenal), Lorenzo Pellegrini (Roma), Samuele Ricci (Torino).
Attaccanti: Federico Chiesa (Juventus), Stephan El Shaarawy (Roma), Riccardo Orsolini (Bologna), Giacomo Raspadori (Napoli), Mateo Retegui (Genoa), Gianluca Scamacca (Atalanta), Mattia Zaccagni (Lazio).
– foto Image –
(ITALPRESS).

Leggi tutto

Sport

Aleix Espargarò si ritira a fine stagione “Mi sono divertito”

Pubblicato

-

NOALE (ITALPRESS) – Aleix Espargarò ha scelto la gara di casa, a Barcellona, per annunciare il ritiro dalla MotoGP a fine stagione. Ha scelto questa pista perchè è cresciuto a Granollers, a pochi chilometri dal paddock, e perchè qui l’anno scorso ha scritto una delle pagine più belle della storia di Aprilia Racing con la doppietta insieme a Maverick Vinales. La carriera di Aleix è profondamente legata ad Aprilia Racing, da otto stagioni corre
con il team italiano, avendo segnato i momenti più belli della sua storia recente, con tre gran premi vinti (Argentina 2022, Silverstone e Barcellona 2023), una vittoria nella sprint (Barcellona 2023), oltre alle 3 pole e i 10 podi. La storia però non finisce qui, c’è ancora una lunga stagione davanti, a partire da Barcellona dove Aleix e Aprilia Racing si sono sempre resi protagonisti di grandi prestazioni. “Sono felice di poter annunciare il ritiro come pilota full time. Sono stati 20 anni bellissimi dentro questo paddock e sono molto felice e fiero di quello che abbiamo fatto insieme con Aprilia. Abbiamo fatto la storia e questo non si dimenticherà mai. Mi sono divertito tantissimo e abbiamo creato un gruppo umano incredibile. Ci attende un weekend molto bello, in una pista che mi piace e dove vado forte, e ci sono ancora tante gare fino a Valencia per essere competitivi” le parole di Aleix Espargarò. “Aleix è un grande compagno di squadra. Abbiamo passato quattro anni insieme e vissuto momenti indimenticabili. Insieme siamo riusciti a portare Aprilia al top, ho dei bellissimi ricordi con Aleix. Abbiamo ancora un anno davanti per portare insieme Aprilia ancora più in alto” il commento di Maverick Vinales. Massimo Rivola ringrazia Espargarò “perchè con te abbiamo costruito una storia incredibile. Grazie per non aver mollato nei momenti difficili e per essere stato un grande esempio per tutti noi. Hai conquistato la fascia di Capitano sul campo per meriti. Ci hai regalato il primo podio, la prima pole position, la prima vittoria qui a Barcellona e la prima doppietta con Maverick. Il tuo spirito, con i tuoi alti e bassi, con il tuo carattere, rispecchiano l’energia di questa squadra e di tutta Noale. Non so cosa farai nel futuro, ma rimarrai sempre un pilota Aprilia. Da oggi si apre una pagina nuova per il mercato piloti e sicuramente Aprilia Racing non starà a guardare. Con il nostro stile, garantiremo un futuro grandioso a questa squadra, che tu hai contribuito a rendere un vero top team”.
– foto Ipa Agency –
(ITALPRESS).

Leggi tutto

Sport

Leclerc “A Montecarlo lotteremo per la pole, siamo competitivi”

Pubblicato

-

MONTECARLO (MONACO) (ITALPRESS) – “In quanto Ferrari dovremo essere competitivi, correre a Monaco è uno dei momenti che aspetto per tutto l’anno”. Queste le parole di Charles Leclerc, pilota della Rossa, intervenuto nel corso della conferenza stampa alla vigilia del weekend di Montecarlo per il Gran Premio di Monaco, ottavo appuntamento del Mondiale di Formula 1. “Mi sento bene, ovviamente è sempre speciale correre a Monaco, per tutti i piloti ma per me in particolare – ha esordito Leclerc, padrone di casa -. Siamo stati competitivi fino a questa gara, quindi spero che possa accadere anche in questo weekend nonostante i risultati negativi degli anni passati. Il podio? Il secondo e il terzo posto non valgono tanto per me. Siamo vicini con Red Bull e McLaren – ha proseguito -, dovremo essere bravi a mettere tutto insieme in qualifica e ottenere la vittoria. Sento che a Monaco tutti partiranno da zero, ma non credo che gli equilibri saranno troppo diversi rispetto alle ultime gare. Come Ferrari dovremo vedere quanto saremo forti rispetto agli altri, ma sarei stupito se non fossimo in lotta per la pole position. A Monaco, rispetto ad altre piste, la valutazione dei rischi è maggiormente importante. Il pilota deve capire che rischi prendersi, e questo può pagare o no, ma è pur sempre un aspetto che mi piace molto di questo tracciato”.
– foto Ipa Agency –
(ITALPRESS).

Leggi tutto
Advertisement


Agenzia Creativamente Itinerari News Pronto Meteo
Casa e consumi by Altroconsumo

Primo piano