Seguici sui social

Sport

Golden State batte i Clippers, bene Fontecchio ma Utah ko

Pubblicato

-

NEW YORK (STATI UNITI) (ITALPRESS) – Nove match nella notte Nba e un solo italiano in campo. Simone Fontecchio gioca, e bene, nella sconfitta che i Jazz incassano sul parquet dei Timberwolves che si impongono 101-90, conquistando la 14^ vittoria in 18 partite. L’azzurro viene schierato nel quintetto iniziale, 34 minuti di partita chiusi con un bottino di 16 punti, 5 rimbalzi e altrettanti assist. Fontecchio è il migliore di Utah, vanno in doppia cifra anche Sexton (14 dalla panchina), Agbaji (13) e George (12), ma non basta per sovvertire il pronostico ed evitare il ko. Minnesota chiude sotto il primo parziale, ma poi viene fuori trascinata dai 32 punti e 11 rimbalzi di Karl-Anthony Towns, dai 20 punti di Alexander-Walker e dai 15 (con 13 rimbalzi) di Gobert. Minnesota in testa a Ovest e nella stessa Conference, ma appena in zona playoff, Golden State vince lo scontro diretto con i Clippers, imponendosi 120-114 in casa con i 26 punti di Curry e i 22 di Thompson.
Nelle altre gare della notte vittorie per Blazers (103-95 sui Cavaliers con 29 punti e 10 rimbalzi per Sharpe), Hornets (129-128 sui Nets con 37 punti e 13 assist per Rozier), Heat (142-132 contro Indiana con 36 punti e 11 rimbalzi per Butler, mentre ai Pacers non bastano i 44 punti e i 10 assist di Haliburton per evitare il ko), Knicks (118-112 sui Pistons con 42 punti per Brunson), Bulls (120-113 sui Bucks con 20 punti e 10 rimbalzi per Vucevic), Thunder (133-110 sui Lakers con 33 punti per Gilgeous-Alexander) e Hawks (137-135 contro San Antonio con 45 punti e 14 assist per Young).
– foto LivePhotoSport –
(ITALPRESS).

Sport

Odermatt “gigante” a Palisades Tahoe: la Coppa del Mondo è sua

Pubblicato

-

ROMA (ITALPRESS) – Inarrestabile. Nemmeno un Henrik Kristoffersen in grande spolvero riesce a fermare Marco Odermatt che nel primo dei due appuntamenti sulla pista di Palisades Tahoe vince l’ennesimo gigante e con dieci gare d’anticipo mette le mani sulla sua terza Coppa del Mondo generale. Il fuoriclasse svizzero doma il rivale, che nella seconda manche riesce a rosicchiargli solo tre centesimi (0″12 il distacco finale) e mette un’altra tacca in una stagione da assoluto dominatore: 11 vittorie su 21 gare (sette su sette in gigante, la decima di fila considerando anche la scorsa stagione), 18 i podi complessivi. Che tradotto significa 1001 punti su Manuel Feller, oggi ottavo e primo rivale nella generale, che aritmeticamente gli consegnano la Sfera di Cristallo con larghissimo anticipo. E si avvicina anche la vittoria di Odermatt nella classifica di specialità, grazie ai suoi 700 punti contro i 314 di Zubcic, il più immediato inseguitore.
Kristoffersen a parte, tutti gli altri incassano distacchi abissali, a partire dall’americano River Radamus, terzo a 1″37 e al primo podio della carriera. Poi tre svizzeri, che chiudono in quattro fra i primi sei: Tumler, Caviezel e Meillard. Per l’Italia va così così: con Alex Vinatzer, migliore in pista al 19esimo posto, staccato di 2″82 dal vincitore, mentre Filippo Della Vite è 22esimo a 3″17. Fuori nella seconda Luca De Aliprandini, mentre non si erano qualificati nella prima Tobias Kastlunger e Hannes Zingerle, ed era uscito Giovanni Borsotti.
Per domenica è programmato lo slalom, con start della prima manche alle 19, ora italiana, e seconda alle 22.
– foto Ipa Agency –
(ITALPRESS).

Leggi tutto

Sport

La Salernitana crolla nel finale, vince il Monza 2-0

Pubblicato

-

SALERNO (ITALPRESS) – Il Monza vince 2-0 sul campo della Salernitana grazie ai gol nel finale di Daniel Maldini e Matteo Pessina. I brianzoli partono bene già dal primo minuto: Birindelli, imprendibile sulla fascia destra, crossa in mezzo per Djuric che colpisce al volo di destro, centrando in pieno il palo. Il secondo brivido per i padroni di casa arriva al minuto 4, quando Dany Mota pennella in area direttamente da calcio d’angolo: la palla viene prolungata da Gagliardini verso Izzo che gira in porta da distanza ravvicinata, trovando lo splendido riflesso di Ochoa. Per la prima vera occasione della Salernitana bisogna attendere il minuto 35: punizione con Candreva che calcia direttamente verso la porta trovando la fortuita deviazione di Gagliardini, palla che però finisce sul fondo. Nel secondo tempo la musica non cambia, è ancora il Monza a partire meglio al minuto 55, sempre con Birindelli che dalla destra crossa sul secondo palo, trovando Djuric. L’ex Verona fa la sponda per Pessina, anticipato all’ultimo momento da Pellegrino che devia in calcio d’angolo. Proprio dal corner successivo arriva un’altra occasione per gli ospiti e un’altra grande risposta di Ochoa, che respinge sulla linea il tap-in di Gagliardini, servito ancora una volta da Djuric. Al 76′ è la Salernitana a tornare pericolosa con Tchaouna pescato da Dia che però va a sbattere su Di Gregorio; la palla torna nuovamente all’attaccante granata che ci riprova con il destro, trovando nuovamente pronto il portiere del Monza. Due minuti dopo i tanti sforzi dei biancorossi vengono ripagati: Maldini raccoglie un passaggio di Gagliardini in area e deposita il pallone alle spalle di un incolpevole Ochoa. Il colpo del ko arriva dopo altri cinque giri di lancette, direttamente da rinvio dal fondo: Di Gregorio pesca Djuric che spizza la palla di testa verso Pessina, il capitano non sbaglia e con un tocco sotto supera l’estremo difensore granata. Seconda vittoria di fila per il Monza che aggancia provvisoriamente Napoli e Torino, sempre più a fondo la Salernitana che vede lo spettro della retrocessione vicinissimo.
– foto Ipa Agency –
(ITALPRESS).

Leggi tutto

Sport

Jasmine Paolini trionfa a Dubai, primo “1000” in carriera

Pubblicato

-

DUBAI (EMIRATI ARABI) (ITALPRESS) – Jasmine Paolini esce vittoriosa dalla finale del “Duty Free Tennis Championships”, secondo Wta 1000 della stagione dotato di un montepremi complessivo di 3.211.715 dollari, avviato alla conclusione sul cemento di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti. La 28enne di Castelnuovo di Garfagnana, numero 26 Wta, si impone per 4-6 7-5 7-5 dopo due ore e 13 minuti di gioco sulla russa Anna Kalynskaya, numero 40 del mondo, passata attraverso le qualificazioni e che ieri a sorpresa aveva eliminato la polacca Iga Swiatek, regina del tennis mondiale. Secondo titolo in carriera – il primo in un 1000 – per la tennista azzurra dopo il successo a Portoroz nel 2021, corredato anche dal best ranking: da lunedì sarà numero 14 nella classifica Wta. “E’ molto speciale, sono molto contenta, è stato un match durissimo – commenta – Lei ha giocato a un livello incredibile per tutta la settimana ma sono stata brava a rientrare in partita e a lottare per ogni punto pensando che potevo farcela. Sono orgogliosa di me stessa e di quello che ho fatto”. La Paolini si dice “contenta di ogni partita che ho vinto, soprattutto la prima – il riferimento al match con Haddad Maia, dove era sotto di un set e di un break – Essere poi arrivata a vincere il titolo è incredibile”.
– foto Ipa Agency –
(ITALPRESS).

Leggi tutto
Advertisement


Agenzia Creativamente Itinerari News Pronto Meteo
Casa e consumi by Altroconsumo

Primo piano