Seguici sui social

Cronaca

Il Sud Italia protagonista sui vasetti Nutella con scorci mozzafiato

Pubblicato

-

ROMA (ITALPRESS) – Un viaggio tra le meraviglie del nostro Paese, alcune più note, altre meno conosciute. Anche al Sud “Nutella TiAmo Italia” regala scorci mozzafiato, attraverso i suo vasetti famosi in tutto il mondo. La limited edition 2021 ha una valenza del tutto particolare, essendo stata scelta dagli stessi consumatori che hanno candidato e votato i loro luoghi del cuore. La competizione online ha raccolto ben 2.143.217 voti da parte del pubblico per far vincere 42 ‘luoghi del cuorè, due per ogni regione. Il tour al Sud Italia, attraverso gli iconici vasetti che già stanno andando a ruba non solo tra i collezionisti, parte dall’Abruzzo.
Da un meraviglioso borgo innevato, quello di Pacentro (L’Aquila). Racconta il sindaco, Guido Angelilli, che la comunità di Pacentro ha aderito con entusiasmo alla iniziativa della Ferrero, esultando alla notizia della vittoria del concorso. “Vedere il profilo del paese sui vasetti della Nutella, uno dei prodotti dell’eccellenza italiana nel mondo, è motivo di orgoglio per tutta la nostra comunità in Italia e soprattutto all’estero. Non a caso qualche anno fa la nostra concittadina più illustre, Madonna, ha confessato di fare colazione con la Nutella, dichiarando che è ‘un buon modo per cominciare la giornatà. Farlo adesso con l’immagine di Pacentro lo è ancora di più!”.
Entusiasta anche Fernando Gatta, primo cittadino di Villalago, il comune dell’aquilano in cui sorge il Lago di Scanno.
“Siamo contentissimi del risultato ottenuto dal nostro territorio per l’iniziativa proposta con il progetto Ferrero – scrive il sindaco – ringraziamo della particolare attenzione nell’aver scelto e rappresentato il nostro lago, il nostro paesaggio e la nostra area che può orgogliosamente rappresentare uno degli angoli più belli dell’Abruzzo interno”.
Un altro lago, il Laudemio, fa bella mostra di sè in uno dei vasetti vincitori per la Basilicata. Ne è particolarmente orgogliosa Maria Di Lascio, la sindaca di Lagonegro (Potenza): “La nostra terra è dolce e preziosa come la Nutella, è versatile e squisita. E come la Nutella, quando la scopri, pensi di non averne mai avuto abbastanza! La nostra comunità ha apprezzato molto, inoltre, il gesto della Ferrero di omaggiare il Comune di Lagonegro donando alla sindaca il vasetto con la bellissima immagine del Lago Laudemio innevato; dono condiviso orgogliosamente sui social!”.
Sempre in Basilicata è Pietrapertosa, avvolta in una calda luce, ad impreziosire i vasetti di Nutella. La sindaca Rocca Maria Cavuoti non nasconde l’emozione provata nell’aprire il pacco ricevuto direttamente nella sede municipale. “Siamo grati ed orgogliosi che le nostre bellezze abbiano incontrato la bontà di Nutella, orgoglio italiano e nel mondo. Importante, unica e prestigiosa iniziativa che valorizza e promuove i tesori nascosti del nostro bel Paese”.
Tra i “gioielli” di cui andare orgogliosi in Campania, l’isola di Procida. Dino Ambrosino, il sindaco, ringrazia Nutella “per la cortese lettera di accompagnamento che mi ha inviato insieme al barattolo con l’immagine di Procida. Sono grato per questa bella iniziativa che esalta tutto lo straordinario Belpaese in cui viviamo”. E in Campania l’ha spuntata Napoli. “Il Golfo di Napoli avvolto nell’abbraccio del Vesuvio rappresenta l’immagine che ci ricorda la bellezza e l’amore della ‘nostrà casa – dice il sindaco partenopeo Gaetano Manfredi -. La scelta per celebrare le meraviglie d’Italia – da parte di un brand italiano che da decenni entra nelle case di tutto il mondo come Nutella – ci inorgoglisce profondamente e ci rende sempre più consapevoli di quanto Napoli possa rappresentare un riferimento culturale sempre vivo, pronto alle sfide del futuro in cui le protagoniste saranno le tante eccellenze che ci rendono unici al mondo”.
In Molise, tra i 42 luoghi del cuore vincitori, ci sono Termoli con la sua antica macchina da pesca, il trabucco e il lago di Caste San Vincenzo, località fiabesca.
Ancora più a Sud si rimane affascinati da un altro scorcio sul mare, dove tra i faraglioni sul mare svetta la Torre di Sant’Andrea. Accanto a quest’opera d’arte della natura, c’è Polignano a Mare, con il suo famosissimo scorcio di Lama Monachile. Il sindaco Domenico Vitto, dice così: “Siamo davvero orgogliosi che l’immagine della nostra cittadina sia valorizzata attraverso un brand così importante che costituisce, da alcuni decenni, un punto di riferimento per le famiglie italiane. E’ un’importante occasione di notorietà che giova al percorso di crescita che Polignano a Mare sta vivendo e che, nello stesso tempo, ci stimola nell’adottare nuovi interventi con l’obiettivo di raggiungere nuovi prestigiosi traguardi”.
Con Scilla e Tropea, dove le acque cristalline del mare si incrociano con la storia e la mitologia, arriviamo in Calabria, in questo goloso viaggio ideato da Ferrero.
Giovanni Macrì, primo cittadino di Tropea: “Grazie Nutella! E’ veramente gratificante ammirare una delle immagini emblema di Tropea su un prodotto di qualità come il vostro che esprime magnificamente l’eccellenza del gusto italiano riconosciuta in tutto il mondo: un’unione che esalta la Bellezza e invita a scoprire la nostra meravigliosa Città, un luogo dell’anima in cui godere la vita!”.
In Sicilia, altra regione ricca di tesori, vincono Lampedusa e le Saline di Marsala. “Accostare Marsala alla Nutella, prodotto d’eccellenza del Made in Italy, rafforza l’unicità e la bellezza di questo territorio – afferma il sindaco Massimo Grillo -. Un’iniziativa promozionale che lusinga e che ci offre l’occasione per un invito nella nostra splendida città, ricca di rinomate tipicità. Da oggi, assieme ai sapori di vino, sale, fragole, melograni…anche il dolce sapore della Nutella accompagnerà il viaggiatore in questa terra di Sicilia”.
La Sardegna chiude questo meraviglioso viaggio tra bellezze e sapori, a spuntarla Arbatax e Baunei. Scrive Stefano Monni, sindaco di Baunei: “Ci lusinga il fatto che gli appassionati della Nutella abbiano scelto Cala Goloritzè tra i luoghi più belli d’Italia. Ringrazio la Ferrero, eccellenza italiana nel mondo, per avere dato la possibilità a Baunei di essere, ancora una volta, dopo il riconoscimento del mare più bello d’Italia, un’eccellenza – è il caso di dirlo – tra i gusti degli italiani”.
(ITALPRESS).

Cronaca

L’Atalanta non si ferma più, Sampdoria battuta per 2-0

Pubblicato

-

BERGAMO (ITALPRESS) – L’Atalanta non vuole fermarsi più. I nerazzurri vincono 2-0 contro la Sampdoria grazie alle reti di Maehle e Lookman, una per tempo: tre punti che permettono alla squadra di Gasperini di portarsi momentaneamente al terzo posto in attesa di Milan, Lazio e Roma. Nulla da fare per i blucerchiati, quindicesima sconfitta in campionato e una situazione sempre più complessa. Gasperini lo aveva comunque dichiarato durante la conferenza stampa della vigilia: vietato prendere sotto gamba una partita che rischiava di complicarsi parecchio. La Sampdoria ha reso la vita difficile ai padroni di casa nei primi venti minuti di gioco, gli uomini di Stankovic hanno sfiorato la rete del vantaggio prima col mancino di Gabbiadini, poi con la respinta di Augello neutralizzata da Musso. Ci ha provato anche Leris con una mezza girata in area di rigore dopo la conclusione di Lammers, ma da quel momento in poi i nerazzurri hanno alzato i giri del motore aggrappandosi soprattutto alle giocate di Hojlund. Gli orobici ci hanno provato di forza, con azioni insistite soprattutto sugli esterni: proprio da una giocata sulle corsie laterali è arrivata la rete del vantaggio, dopo aver colpito il palo con Lookman, gli uomini di Gasperini hanno sbloccato la gara al 42′ col colpo di testa di Maehle, inseritosi coi tempi giusti. Nella ripresa il copione è cambiato pochissimo, al 12′ Lookman si è inventato un’altra rete spettacolare saltando prima Murru e trovando un diagonale praticamente imparabile. La seconda rete ha tagliato le gambe alla Sampdoria, gli orobici hanno gestito senza troppi patemi i minuti finali mettendo in cassaforte un successo fondamentale in vista del quarto di finale di Coppa Italia contro l’Inter di martedì sera.
– foto LivePhotoSport –
(ITALPRESS).

Leggi tutto

Cronaca

Lautaro ribalta la Cremonese, l’Inter vince in rimonta

Pubblicato

-

CREMONA (ITALPRESS) – La Cremonese incassa la dodicesima sconfitta in campionato e insegue ancora la vittoria, l’Inter la ritrova grazie alla doppietta di Lautaro Martinez che rimonta lo svantaggio. Allo Zini va in scena una bella gara con i grigiorossi che mostrano di avere carattere e coraggio nell’affrontare i nerazzurri ma mancano della qualità necessaria per sfruttare bene le occasioni avute. Cosa che invece riesce a fare bene l’Inter, che nonostante lo 0-1 firmato da Okereke non si scompone e con pazienza fa suo un match importantissimo per la classifica in chiave corsa Champions.
L’avvio dell’Inter è arrembante, tanto che la squadra di Inzaghi si procura sei calci d’angolo nel giro di otto minuti ma poi al 10′, come un fulmine a ciel sereno, arriva il vantaggio della Cremonese con un tiro a giro di Okereke che si infila sotto l’incrocio dei pali lasciando di stucco Onana. Al 16′ azione d’attacco dell’Inter con cross in area sul quale manca l’aggancio Bianchetti, Dzeko controlla ma poi calcia fuori. Il vantaggio della Cremonese dura una decina di minuti perchè al 20′ sull’ennesimo corner, Dzeko è libero di calciare al volo, Carnesecchi respinge ma è in agguato Lautaro che infila in rete. Al 25′ su appoggio errato di Chiriches rapida ripartenza nerazzurra con tiro di Dzeko parato. La Cremonese risponde subito con un cross di Sernicola che Benassi devia di tacco ma Onana d’istinto si salva. Al 29′ Okereke fugge da metà campo ma sulla trequarti Acerbi lo stende da dietro rimediando un giallo con l’attaccante lanciato verso la porta. Al 43′ cross di Benassi in area per la girata di Ciofani che finisce alta. Brividi nel finale della frazione con l’Inter che va vicino al vantaggio: su tiro di Dimarco Carnesecchi respinge ancora su Lautaro il cui tap in è preda del portiere grigiorosso. Si va all’intervallo con la gara ancora aperta e alla ripresa l’Inter sfiora il gol subito con un cross sul primo palo di Dimarco che diventa un tiro che Carnesecchi intercetta a fatica. All’8′ sugli sviluppi di un corner tiro sporco di Vasquez che Onana para in due tempi. Al quarto d’ora Ballardini osa qualcosa in più infilando la terza punta e togliendo un centrocampista. Al 19′ ancora Carnesecchi respinge su Bastoni, l’azione prosegue con palla per Lautaro che segna la doppietta: la palla calciata rimpalla su Vasquez e mette fuori causa il portiere di casa. La risposta della Cremonese arriva dopo la mezz’ora con cross di Dessers sul quale Buonaiuto devia troppo debolmente. L’Inter cerca di addormentare il match con un prolungato possesso palla che costringe i grigiorossi ad inseguire per lunghi tratti ed amministra così tre punti conquistati con caparbietà.
– foto LivePhotoSport –
(ITALPRESS).

Leggi tutto

Cronaca

L’Empoli spreca, il Torino rimonta: 2-2 al “Castellani”

Pubblicato

-

EMPOLI (ITALPRESS) – Un punto a testa che forse non soddisfa nessuno. Finisce 2-2 al “Castellani” fra Empoli e Torino, al termine di una gara che i toscani hanno creduto di portare a casa fino a 5′ dalla fine, prima di essere rimontati da 2-0 a 2-2, e che hanno anche rischiato di perdere se una conclusione di Miranchuk non fosse finita sul palo a Vicario battuto. Una sfida senza esclusioni di colpi bella e divertente, in cui Juric ha sbagliato la formazione iniziale ma azzeccato i cambi, al contrario di Zanetti, tradito dalle scelte fatte a gara in corso.
La partita l’ha fatta praticamente sempre la squadra granata, col tecnico croato che però lascia in panchina un pò a sorpresa Lukic, Sanabria e soprattutto l’uomo che una settimana aveva deciso il match contro la Fiorentina, Miranchuk. Il Torino non solo controlla bene in difesa le due punte dell’Empoli Satriano e Caputo, ma prova ad affacciarsi dalle parti di Vicario, prima con Radonjic che al 6′ conclude alto, poi con un colpo di testa di Buongiorno che esce non di molto. Gli azzurri ci mettono un pò ad uscire dal proprio torpore e la prima conclusione dalle parti di Milinkovic-Savic giunge solo al 30′ quando Marin di testa impegna il portiere granata. E’ il preludio al vantaggio azzurro che giunge al 37′ quando Luperto di testa, su angolo battuto da Marin, anticipa la difesa del Torino e batte Milinkovic-Savic. A inizio ripresa Juric prova a cambiare inserendo prima Lukic e Sanabria per Linetty e Seck, e poi Miranchuk e Singo per Bayeye e Radonjic. Proprio gli ospiti vanno vicino al pareggio allo scoccare dell’ora quando Ricci di esterno in area centra il palo mentre serve un super Vicario a dire no al 65′ a Miranchuk, bravo a colpire in diagonale ma non fortunato. L’Empoli nel secondo tempo si chiude e prova a ripartire, Zanetti fa entrare Haas e Cambiaghi e poco dopo arriva il raddoppio firmato da Marin. Sembra finita ma, incassato il secondo colpo, il Torino la riapre riuscendoci a 9′ dalla fine con l’ex Ricci mentre Sanabria pareggia all’85’ nello stesso stadio, e nello stesso giorno dell’anno – 28 gennaio -, in cui 4 anni fa realizzò, con la maglia del Genoa, il suo primo gol in serie A. L’ultima emozione è il palo di Miranchuk a tempo scaduto, col Toro che vede sfumare una clamorosa vittoria dopo aver visto le streghe e l’Empoli che tira un sospiro di sollievo ma non senza un pizzico di rammarico per il doppio vantaggio sprecato.
– foto Image –
(ITALPRESS).

Leggi tutto
Advertisement


Agenzia Creativamente Itinerari News Pronto Meteo
Casa e consumi by Altroconsumo

Primo piano