Seguici sui social

Sport

No al limite dei tre mandati, presidenti con la Consulta

Pubblicato

-

ROMA (ITALPRESS) – La Consulta si è espressa: no al limite dei tre mandati per i presidenti federali. Perchè contrasta con il principio di proporzionalità il divieto definitivo e irreversibile, per chi ha già svolto tre mandati, di ricoprire cariche direttive nelle strutture territoriali delle federazioni sportive nazionali. Lo ha stabilito, appunto, la Corte costituzionale, che ha dunque dichiarato incostituzionale la disposizione che vietava ai presidenti e ai membri degli organi direttivi delle strutture territoriali delle federazioni sportive nazionali e delle discipline sportive associate di ricandidarsi qualora avessero già svolto tre mandati. La Corte ha chiarito che, sebbene il fine della norma, di evitare “rendite di posizione” e garantire la par condicio fra i candidati, sia legittimo e possa giustificare limitazioni all’accesso alle cariche, la radicalità della misura censurata contrasta con il principio costituzionale di proporzionalità che, nel bilanciamento degli interessi contrapposti, impone di mantenere le limitazioni di taluni di essi entro quanto strettamente necessario allo scopo perseguito. Il divieto definitivo di ricoprire le cariche comprime oltre tale limite gli altri interessi in gioco e, in particolare, l’autonomia organizzativa delle federazioni sportive, il diritto di candidarsi di chi ha già svolto tre mandati e la libera scelta dei votanti. L’eliminazione, nello scorso mese di agosto, del divieto censurato non muta – ha precisato la Corte – i termini della questione, in quanto i giudizi a quibus vanno decisi applicando le norme all’epoca vigenti. La dichiarazione di incostituzionalità riguarda l’inciso «nonchè ai presidenti e ai membri degli organi direttivi delle strutture territoriali delle federazioni sportive nazionali e delle discipline sportive associate», nella parte in cui estendeva agli organi territoriali il divieto previsto per gli organi direttivi centrali delle federazioni sportive. La pronuncia non investe peraltro quest’ultimo divieto, relativo agli organi centrali, in quanto nei giudizi a quibus veniva in rilievo esclusivamente la disposizione riguardante le cariche negli organi territoriali. “C’è da dire che il discorso sul limite dei mandati è stato molto ideologizzato, come se questo fosse la soluzione di tutti i problemi. Ci sono però risultati difficili da ottenere nel solo arco di due o tre mandati – ha detto all’Italpress il presidente della Federscherma, Paolo Azzi – Il presidente della federgolf Chimenti sta guidando l’organizzazione della Ryder Cup, e non so se sarebbe riuscito ad ottenerla al suo secondo mandato. Certe cose si costruiscono nel tempo, anche uscendo fuori dai nostri confini. E’ un discorso semplicistico quello dei tre mandati o no, la Corte ha ravvisato una limitazione dell’autonomia di organismi che restano privati”. “E’ una vittoria di tutto il movimento sportivo federale, che può scegliersi liberamente il presidente che ritiene migliore – il commento del presidente della Federazione Italiana Sport Equestri, Marco Di Paola – Trovo ingiusto al contrario che lo stesso movimento sportivo non possa scegliersi il presidente del Coni che ritenga migliore. La stessa legge, infatti, comprime ancora questa libertà”. “Finalmente giustizia è stata fatta – ammette il presidente della Federazione Italiana Pesistica, Antonio Urso – La proposta di legge riguardante il limite dei mandati era palesamente incostituzionale. Le federazioni sono strutture di diritto privato e come tali devono comportarsi, e noi presidenti siamo eletti da una base ampia a rappresentanza di tutte le categorie federali”. “Penso di essere stato uno dei primi a fare dichiarazioni in questo senso, adesso si è pronunciata la Consulta: finalmente c’è chi ha buon senso… – ha osservato il presidente della Federazione Italiana Sport Rotellistici, Sabatino Aracu – Era una cosa di buon senso, spero ora che ciò sia esteso a tutto il territorio, perchè è sempre più difficile reclutare dirigenti sportivi”. “La Corte Costituzionale è andata nella direzione della tutela dei diritti civili, in particolare di libera rappresentanza e proporzionalità – ha spiegato, semore all’Italpress, Fabrizio Bittner, presidente della Federazione Italiana Pentathlon Moderno – Del resto non si potrebbe concepire come in una democrazia rappresentativa, si possa limitare la rappresentatività stessa. Sarebbe una contraddizione democratica, oltre che una limitazione delle libertà personali sancite dalla Costituzione. Pertanto più che una legittima vittoria che ha visto il presidente del golf Franco Chimenti battersi in prima fila come un ‘giovincellò ed al quale vanno i miei più sentiti complimenti, è una vittoria dei diritti che una società moderna deve garantire. La nostra Corte, per fortuna, si è dimostrata all’altezza di uno Stato e una democrazia moderni”. “Leggo con favore le dichiarazioni dei Presidenti delle federazione sportive in merito a quanto emerso dalla lettura attenta della sentenza della Corte costituzionale n. 184/2023 – ha evidenziato in una nota il ministro per lo sport e i giovani, Andrea Abodi – L’obiettivo perseguito dalla norma oggetto di esame di legittimità costituzionale, incidendo sul regime delle candidature, è(ra) quello di favorire l’accesso alle cariche di tutti gli associati, in condizioni di uguaglianza, alle cariche direttive e, dunque, di consentire alla stessa autonomia organizzativa dell’associazione di esprimersi nella sua pienezza, superando rendite di posizione alimentate da una lunga permanenza nella carica. Ciò che nello scrutinio della Consulta ha avuto esito negativo, per il quale la norma precedente è stata dichiarata illegittima, è il divieto definitivo che era stato introdotto dalla norma censurata, in quanto eccessivo rispetto alla finalità, pur legittimamente perseguita dalla norma, di non creare la formazione di un ‘gruppo di poterè interno all’organo direttivo, che ne metta a rischio la stessa autonomia. In tal senso, la modifica operata dal Parlamento è stata assolutamente coerente con la pronuncia della Corte. Adesso auspico che il mondo dello sport si autoriformi e, nel solco della sentenza della Corte costituzionale, arrivi a un azzeramento delle deleghe, a meno stringenti criteri di candidabilità e, soprattutto, a garantire che, anche dopo la prima convocazione dell’assemblea elettiva, dopo il terzo mandato, il presidente uscente debba ottenere i 2/3 dei voti, auspicabilmente nell’ambito di una maggioranza assoluta dei voti validamente espressi rispetto agli aventi diritto”, ha concluso Abodi.
– Foto Image –
(ITALPRESS).

Sport

Delegazione olimpica San Marino ricevuta dai Capitani Reggenti

Pubblicato

-

SAN MARINO (ITALPRESS) – Giornata di impegni istituzionali per la delegazione sammarinese che parteciperà ai Giochi di Parigi dal 26 luglio, giorno della cerimonia d’apertura, all’11 agosto. Saranno cinque gli atleti che terranno alta la bandiera di San Marino: Alessandra Gasparelli (atletica leggera), Loris Bianchi (nuoto), Myles Amine (lotta), Alessandra Perilli (tiro a volo) e Giorgia Cesarini (tiro con l’arco). La conferenza stampa di presentazione della squadra olimpica ha dato il via alla giornata, culminata con l’udienza a Palazzo Pubblico dai Capitani Reggenti, Alessandro Rossi e Milena Gasperoni. Nella suggestiva Terrazza dell’Hotel Titano il capo missione Christian Forcellini ha sottolineato l’importanza che questa delegazione ha per rappresentare il Paese. “Saranno le Olimpiadi più grandi di sempre, con una cerimonia d’apertura in grande stile – ha commentato Forcellini -. Insieme ad Anna Lisa Ciavatta (vice capo missione, ndr) abbiamo lavorato duramente per mettere gli atleti e tutti i tecnici nelle miglior condizioni possibili per performare al meglio”. A Palazzo Pubblico Gian Primo Giardi, presidente del Cons, ha incoraggiato il Team San Marino, ricordando le imprese di Tokyo con le prime storiche medaglie, e ha lanciato lo slogan “Liberi di Sognare”, claim della campagna di comunicazione del Comitato Olimpico, augurando a tutti di migliorarsi ulteriormente e di divertirsi nel più importante appuntamento del ciclo olimpico. Un ringraziamento anche a tutti gli sponsor che supportano costantemente il Cons: Cassa di Risparmio, Tim San Marino, AC&D Solutions, Mondo Immagine, Macron, Mr. Apps; insieme a Giorgia Boutique, che per la seconda volta consecutiva veste la delegazione biancazzurra alle Olimpiadi, Marlù e Pepitos. Ha ricordato l’edizione dei Giochi in Giappone anche Eros Bologna, segretario generale, che ha poi affermato: “Ora abbiamo gli occhi del mondo addosso ed è ancora di più una responsabilità per i nostri atleti che ci rappresenteranno”. Dalla Reggenza e dal Segretario di Stato per lo Sport, Teodoro Lonfernini, un forte messaggio di pace e orgoglio per rappresentare San Marino: “Dovete essere orgogliosi di indossare la divisa sammarinese. Vi siete conquistati quest’opportunità dopo tanti sacrifici, ora avrete il compito di rappresentare il Paese, che vi seguirà con tanto affetto. In questo momento storico ci auguriamo che lo sport possa offrire un messaggio di pace per tutte le popolazioni, così come San Marino ha sempre fatto nella sua millenaria storia”. Infine, il momento più atteso della giornata con l’ufficializzazione dei portabandiera: saranno Loris Bianchi e Alessandra Gasparelli, la più giovane della delegazione, a sfilare con la bandiera biancazzurra donata dai due Capi di Stato, Alessandro Rossi e Milena Gasperoni, lungo la Senna il 26 luglio.
– Foto Cons –
(ITALPRESS).

Leggi tutto

Sport

Pokerissimo Pogacar al Tour, Vingegaard si arrende ancora

Pubblicato

-

COL DE LA COUILLOLE (FRANCIA) (ITALPRESS) – La quinta è quasi una meraviglia. Tadej Pogacar (Uae Emirates) ha deciso di prendersi tutto: quinto successo nella ventesima e penultima tappa del Tour de France 2024, la Nizza-Col de la Couillole di 132 chilometri. Uno scatto, quello della maglia gialla, deciso negli ultimi 300 metri e l’arrivo a braccia aperte davanti al danese e bi-campione uscente Jonas Vingegaard (Visma-Lease a Bike), in ritardo di 7″, e all’ecuadoriano Richard Carapaz (EF Education-EasyPost), arrivato a 23″ e in casacca a pois di miglior scalatore. Nulla da fare per Remco Evenepoel, che ha provato ad insediare lo sloveno per la vittoria di tappa: domani il belga della Soudal Quick-Step proverà a riscattarsi nella cronometro finale, la Montecarlo-Nizza di 33,7 chilometri. Manca soltanto l’ufficialità, ma Pogacar è a un passo dall’accoppiata Giro-Tour che manca dal 1998 (l’ultimo a riuscirvi, appunto, fu Marco Pantani).
– Foto Image –
(ITALPRESS).

Leggi tutto

Sport

Prima fila McLaren in Ungheria, Norris in pole davanti a Piastri

Pubblicato

-

BUDAPEST (UNGHERIA) (ITALPRESS) – Lando Norris si prende la pole position all’Hungaroring, precedendo il compagno di squadra Oscar Piastri per una prima fila tutta McLaren nel Gp d’Ungheria. Il britannico, con il tempo di 1’15″227, ha preceduto di 22 millesimi il compagno di scuderia e di 46 millesimi il campione del mondo Max Verstappen. Quarto posto per Carlos Sainz (Ferrari (+0″469), quinto Lewis Hamilton (Mercedes, +0″627), sesto Charles Leclerc (Ferrari, +0″678). Settimo Fernando Alonso (Aston Martin, +0″816), ottavo il compagno di scuderia Lance Stroll (+1″017), quindi le RB completano la top ten con Daniel Ricciardo (+1″220) e Yuki Tsunoda (+1″250). Fuori a sorpresa in Q1 Sergio Perez, a muro, e George Russell, che dunque scatteranno dalle retrovie.
– Foto Ipa Agency –
(ITALPRESS).

Leggi tutto
Advertisement


Agenzia Creativamente Itinerari News Pronto Meteo
Casa e consumi by Altroconsumo

Primo piano