Seguici sui social

Economia

Trenitalia presenta Winter Experience, Corradi “Vera intermodalità”

Pubblicato

-

Trenitalia ha presentato la Winter Experience 2022, la nuova offerta invernale disponibile per i viaggiatori in tutto il Paese dal prossimo 11 dicembre. Come illustrato dall’Ad e direttore generale della società, Luigi Corradi, “le novità della Winter Experience sono veramente tante, ma riassunte in una parola sono: cercare di migliorare il servizio a 360 gradi che diamo ai nostri clienti e ai nostri passeggeri. Quindi non pensiamo più soltanto al treno, ma pensiamo anche a tutti i collegamenti che ti portano a prendere il treno, alla cosiddetta intermodalità che ci piace trasformare da una bella parola in una realtà realmente usufruibile dai nostri clienti”. In termini numerici si parla di 250 Frecce al giorno sull’intera rete, con Roma e Milano che vedranno aumentare i loro collegamenti (88 quelli giornalieri), sette no-stop a 2 ore e 59 minuti e Frecciarossa Duplex con oltre 900 posti offerti nelle fasce orarie a traffico elevato. Vengono potenziati anche i collegamenti verso il Sud e le soluzioni dirette e integrate treno+bus per raggiungere porti e aeroporti in tutta Italia grazie agli oltre 140 servizi disponibili del Regionale. Verranno inoltre messi a disposizione dei passeggeri 124 Intercity, di cui 24 Intercity Notte, per le medie località e i capoluoghi di provincia, con l’esclusivo servizio con le Cabine Excelsior esteso anche nei collegamenti tra Milano e la Sicilia oltre a quello già esistente tra Roma e l’isola. Anche i collegamenti con l’estero vedono delle novità importanti: a dicembre anche dalla Liguria sarà possibile raggiungere l’Austria e la Germania, grazie alle fermate di Genova e La Spezia. “Quello che presentiamo oggi è quanto più usiamo autobus e treno insieme per creare quei collegamenti dove per esempio in treno non ci si può arrivare – ha sottolineato Corradi – Parlando proprio di inverno si può arrivare oggi in tantissime località sciistiche anche grazie all’autobus. Facciamo un esempio su tutti con Cortina: si arriva a Venezia sulle nostre Frecce, o Intercity o Regionali, poi abbiamo degli autobus che noi creiamo apposta, legati agli orari dei treni, che ti portano a Cortina”. Quanto ai bilanci fino a oggi, ha detto: “Abbiamo fatto un’estate che ha superato i valori del 2019 cioè del pre-covid. E’ stato un grande successo dovuto anche al fatto che invito tutti a prendere il treno perché il servizio in treno è molto migliorato e stiamo facendo un grande sforzo per continuare a migliorarlo non solo sul Frecciarossa, sulle Frecce in generale ma anche sul trasporto regionale”.
Entrando nei dettagli, ha sottolineato che “quest’estate ci ha portato una media di 3-4% di viaggiatori in più rispetto al 2019, però se per esempio prendiamo il traffico transfrontaliero dalla Svizzera o dall’Austria abbiamo avuto picchi del 30% in più rispetto al precovid”.
Oltre al potenziamento dell’offerta e al recupero del mercato, l’attenzione dell’ente ferroviario si è concentrata anche su un approccio di sostenibilità a 360 gradi. “Trenitalia è sostenibile perché ha treni elettrici, però stiamo cercando di consumare meno. Quindi parliamo di treni che consumano il 30% in meno rispetto alla flotta precedente, grande riciclabilità dei materiali e presenza fino al 97% di materiali riciclabili – ha spiegato Corradi – Inoltre stiamo introducendo in servizio il Blues, un treno ibrido di trasporto regionale completamente nuovo che ha tre sistemi di propulsione: possiamo andare elettrici, o a batteria dove l’elettrificazione non c’è. Inoltre anche dove l’elettrificazione non c’è possiamo andare con motori di ultima generazione diesel che accettano anche il biodiesel”. Sostenibilità ambientale che si intreccia anche con quella economico-sociale, soprattutto alla luce del contesto attuale con il rialzo dell’inflazione e dei costi dell’energia. “Lo sforzo di Trenitalia sarà anche nel periodo invernale quello di contenere al massimo i prezzi per dare anche una sostenibilità sociale, non solo ambientale. Io dico prendete il treno perché è sempre più conveniente rispetto ad altri mezzi di mobilità. Non abbiamo scaricato i costi del caro energia sui biglietti”, ha concluso Corradi.
(ITALPRESS).
-foto ufficio stampa Fs-

Economia

Gas, in Libia siglato accordo Eni-Noc

Pubblicato

-

TRIPOLI (LIBIA) (ITALPRESS) – L’amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, e l’amministratore delegato della National Oil Corporation (NOC), Farhat Bengdara, hanno siglato oggi un accordo per avviare lo sviluppo delle “Strutture A&E”, un progetto strategico volto ad aumentare la produzione di gas per rifornire il mercato interno libico e garantire l’esportazione in Europa. L’accordo è stato firmato alla presenza del Presidente del Consiglio italiano, Giorgia Meloni, e del Primo Ministro del Governo di unità nazionale libico, Abdul Hamid Al-Dbeibah.
“Strutture A&E” è il primo grande progetto ad essere sviluppato nel paese dall’inizio del 2000. Consiste in due giacimenti a gas, chiamati rispettivamente “Stuttura A” e “Struttura E”, situati nell’area contrattuale D, al largo della Libia. La produzione di gas inizierà nel 2026 e raggiungerà un plateau di 750 milioni di piedi cubi di gas standard al giorno.
La produzione sarà assicurata attraverso due piattaforme principali collegate agli impianti di trattamento esistenti presso il complesso di Mellitah. Il progetto prevede anche la costruzione di un impianto di cattura e stoccaggio dell’anidride carbonica a Mellitah, che consentirà una significativa riduzione dell’impronta carbonica complessiva, in linea con la strategia di decarbonizzazione di Eni. L’investimento complessivo è stimato in 8 miliardi di dollari, con un impatto significativo sull’industria e sulla relativa catena di fornitura, fornendo un contributo significativo all’economia libica.
Eni è il principale produttore internazionale di gas in Libia, con una quota dell’80% della produzione nazionale (1,6 bscfd nel 2022). La società opera in Libia dal 1959 e attualmente dispone di un ampio portafoglio di asset in esplorazione, produzione e sviluppo. Le attività produttive sono operate attraverso la società mista Mellitah Oil and Gas BV (Eni 50%, NOC 50%). La produzione equity è stata di 165.000 barili di petrolio equivalente al giorno nel 2022.
– foto screenshot video ufficio stampa Palazzo Chigi –
(ITALPRESS).

Leggi tutto

Economia

Editoria, Fieg incontra Barachini “Contrastare gli incrementi dei costi”

Pubblicato

-

ROMA (ITALPRESS) – Il presidente della Federazione Italiana Editori Giornali, Andrea Riffeser Monti, accompagnato dal Vicepresidente, Francesco Dini e dal direttore generale, Fabrizio Carotti, ha incontrato oggi il sottosegretario di Stato con delega all’Informazione e all’Editoria, Alberto Barachini. Nel corso dell’incontro Riffeser, nel premettere un giudizio positivo sull’approvazione del Regolamento Agcom, che riconosce anche l’importanza del lavoro dei giornalisti, ha sottolineato “l’ulteriore incremento dei costi di produzione sollecitando misure a sostegno della stampa”. Il presidente della Fieg ha poi rilevato come “non siano più procrastinabili interventi di contrasto alla progressiva desertificazione dei punti vendita dei giornali, in particolare nei giorni festivi”, e ha sostenuto “l’esigenza di aumentare i luoghi di contatto tra giornali e cittadini per facilitare l’accesso dei lettori alla stampa”.
I rappresentanti della Fieg hanno, infine, illustrato le proposte degli editori: “conferma e potenziamento del contributo per copia venduta; piano straordinario per l’assunzione di giovani, anche per favorire il necessario ricambio generazionale; sostegno dell’innovazione tecnologica e digitale per l’adeguamento alle trasformazioni in atto nell’editoria giornalistica; incentivi alle edicole che garantiscono più capillarità, territoriale e nei giorni festivi, con un potenziamento dell’offerta ai lettori; campagna istituzionale di sensibilizzazione alla lettura per rimarcare ruolo, funzione ed importanza dell’informazione di qualità”.

– foto Agenziafotogramma.it –

(ITALPRESS).

Leggi tutto

Economia

Carburanti, revocato il secondo giorno di sciopero

Pubblicato

-

ROMA (ITALPRESS) – Fegica Cisl e Figisc/Anisa revocano il secondo giorno di sciopero dei gestori dei distributori di carburanti. Lo annunciano le due associazioni, spiegando che la decisione è presa “a favore degli automobilisti e non certo per il governo”.

– foto Agenziafotogramma.it –

(ITALPRESS).

 

Leggi tutto
Advertisement


Agenzia Creativamente Itinerari News Pronto Meteo
Casa e consumi by Altroconsumo

Primo piano